Mattarella all'Unione dei Comuni e alla Cna: «Per la lotta al Covid servono politiche condivise, diseguaglianze da ridurre»

Sabato 24 Ottobre 2020
1

«Le autonomie ai vari livelli sono irrinunciabili perché espressive del valore di libertà proprio alle comunità con profonde radici. Tutte le articolazioni dell'ordinamento democratico, per servire il benessere della società e lo sviluppo dei territori, sanno di dover operare sempre con spirito di unità e di coesione, consapevoli dei tanti interessi comuni».

 

Lo ho detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella nel messaggio al Presidente dell'Unione Nazionale Comuni, Comunità ed Enti Montani, Marco Bussone «E' molto positivo che questi temi - l'autonomia e la coesione - continuino ad essere al centro delle riflessioni dell'Unione Nazionale Comuni, Comunità, Enti Montani», conclude.

 

«La battaglia che stiamo conducendo, tutti insieme, per contrastare la pandemia e per assicurare il massimo possibile di protezione ai nostri concittadini, in particolare ai più fragili, ci obbliga a riunioni a distanza. Proprio la responsabilità comune nel difendere il bene primario della vita, contenendo il contagio e affrontandone le conseguenze, sanitarie, sociali, economiche, ci fa comprendere ancor meglio l'importanza di una leale e fattiva collaborazione tra le Istituzioni della Repubblica».

 

L'intervento

«In occasione del Congresso e dell'Assemblea Nazionale dell'Uncem desidero rivolgere il saluto più caloroso ai Sindaci e agli amministratori dei tanti comuni, piccoli e medi, che nei territori montani e nelle aree interne esprimono la varietà e la ricchezza del nostro Paese, contribuendo a delineare tratti decisivi della sua stessa identità».  «Contrastare marginalità e isolamenti, che rischiano di impoverire il nostro patrimonio civile e lasciare nell'abbandono parti preziose di territorio, è compito della Repubblica, nel suo insieme. Nuove infrastrutture e reti di connessione sono oggi disponibili per poter ridurre le difficoltà causate da distanze fisiche e dare ai giovani un futuro dignitoso anche in comunità più remote dove sono cresciuti o hanno scelto di vivere», afferma il Capo dello Stato.

 

Il messaggio alla Cna

«Rivolgo un cordiale saluto a tutti i partecipanti all'Assemblea della Cna che si tiene in presenza di una crisi molto dura, che colpisce comparti e lavoratori, taluni in modo più grave come avviene per le piccole imprese. Un periodo di straordinaria difficoltà che va affrontato con il necessario sostegno da parte delle Autorità Pubbliche: servono politiche condivise - col contributo di parti sociali e territori - per una strategia che, mentre affronta la pandemia e le difficoltà conseguenti, sia rivolta a colmare divari e ridurre diseguaglianze sempre più inaccettabili e onerose». È quanto si legge nel messaggio che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha inviato al presidente della Confederazione nazionale dell'artigianato e della Piccola e media impresa Daniele Vaccarino.

Ultimo aggiornamento: 12:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA