Manovra, Ue dà l'ok: ma vigileremo: maxi tagli agli investimenti

PER APPROFONDIRE: manovra, matteo salvini, ue
Manovra, Salvini: dopo i tagli è persino migliorata
Il copione è stato pienamente rispettato: la manovra economica prima clamorosamente bocciata dalla Ue, poi oggetto di febbrili discussioni durante un vero e proprio braccio di ferro tra la Commissione europea e il governo, infine drasticamente corretta sul filo di lana, ha superato il vaglio di Bruxelles. A una condizione: quanto scritto nero su bianco nell'accordo dovrà tradursi in un coerente emendamento al progetto di finanziaria 2019 e poi riflettersi pienamente nella legge votata dal Parlamento.

LEGGI ANCHE Ecotassa, stangata fino a 2.500 euro sulle auto medie
LEGGI ANCHE Moscovici: «Ora rispetta le regole. Missione compiuta»
LEGGI ANCHE Rc auto, Fraccaro: «Sconto ad autisti virtuosi a prescindere dalla Regione di residenza»
 

Insomma, l'Italia resta sotto sorveglianza. Ed è detto chiaramente nella lettera che il presidente della Commissione Juncker, il vicepresidente Dombrovskis e il responsabile degli affari economici Moscovici hanno scritto al premier Giuseppe Conte e al ministro Giovanni Tria: «Prendiamo debitamente atto delle misure di bilancio che il governo italiano intende sottoporre al Parlamento come emendamento del progetto di legge di bilancio, che ci sono state comunicate. L'adozione di tali misure, compresa la prevista clausola di salvaguardia permetterebbe alla Commissione di non raccomandare l'avvio di una procedura per disavanzo eccessivo».

LE MODIFICHE
Per arrivare all'intesa la strada è stata durissima per il governo, che ha dovuto fare una retromarcia evidente: dalla stima/obiettivo di crescita (dall'1,5% nel 2019 e dall'1,6% nel 2020 a un più realistico 1% in entrambi gli anni) al taglio delle spese rispetto ai tetti originariamente previsti. Il pacchetto concordato fino all'ultima cifra con Bruxelles prevede 9,3 miliardi di riduzione: 4,2 miliardi derivanti dalla voce investimenti, in parte compensati da un incremento nella spesa per progetti co-finanziamenti dai fondi Ue, 4,6 miliardi dal taglio della spesa per reddito di cittadinanza, 450 milioni da entrate su scommesse e giochi d'azzardo. Più 3,15 miliardi di flessibilità per il riassetto idro-geologico e il Ponte di Genova. Poi ci sono 2 miliardi di riserva da spendere solo se viene rispettato il target di un deficit nominale al 2,04% del Pil. Se non saranno spesi andranno a riduzione del deficit strutturale. E questa è solo una delle due clausole previste per assicurare che gli impegni siano rispettati. L'altra è l'aumento dell'Iva che dovrebbe essere introdotto nella legislazione per il 2020 e il 2021 come salvaguardia.

Lo stop all'avvio della procedura è giustificato dal fatto che da un peggioramento del deficit strutturale di 0,8% del Pil (per Bruxelles valeva in realtà un terzo in più) il governo scenderà a quota zero: non peggiorerà né migliorerà. La Ue avrebbe voluto un minimo miglioramento, ma non ve n'erano le condizioni. Così l'Italia può uscire dalla casella degli Stati che non rispettano in modo grave le regole Ue, a quella degli Stati che «sono a rischio» di non rispettarli. Quanto basta per non essere sanzionati. «Missione compiuta», dice Moscovici. Aggiungendo: «Il caso italiano dimostra che la Ue non è il problema, ma parte della soluzione».
Con in tasca l'accordo, Conte ha illustrato la manovra rivista e corretta in Senato all'ora di pranzo. Con lui il ministro dell'Economia, Giovanni Tria (elogiato dal premier) e il responsabile degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi. Assenti Luigi Di Maio e Matteo Salvini che hanno preferito non metterci la faccia. Tra contestazioni e grida dell'opposizione, Conte ha negato la retromarcia: «Abbiamo pienamente salvaguardato l'impostazione della manovra e non abbiamo ceduto sui contenuti. Reddito di cittadinanza e quota 100 partiranno nei tempi che avevamo previsto: ci siamo avvicinati alle posizioni dell'Ue senza mai arretrare rispetto agli obiettivi del voto del 4 marzo». Poi, dopo aver confermato il deficit al 2,04% e ridimensionato la crescita del 2019 dall'1,5% all'1% («la causa è il peggioramento del quadro macroeconomico») ha annunciato che «per assicurare il conseguimento degli obiettivi programmatici di bilancio il governo ha previsto una norma per l'accantonamento temporaneo di una parte di alcuni specifici stanziamenti per l'importo complessivo di due miliardi». Le somme accantonate saranno rese disponibili nel caso in cui il monitoraggio sui conti certificherà gli obiettivi di bilancio. Infine, su Fb: «La conclusione positiva di questo negoziato dimostra che si può essere coraggiosi e responsabili allo stesso tempo. Da oggi il governo può impegnarsi a fondo per portare a termine la sua azione di rilancio, per liberare le migliori energie del Paese a sostegno della crescita e dell'occupazione. È un grande giorno per la democrazia».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 19 Dicembre 2018, 10:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manovra, Ue dà l'ok: ma vigileremo: maxi tagli agli investimenti
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 51 commenti presenti
2018-12-21 08:22:27
Ripresa economica? Se la scordi. I dati sono chiari sta retrocedendo. Spero comunque abbia avuto la possibilità di godersela tra dicembre 2011 e giugno 2018; si attrezzi per ricominciare da capo, e per non rovinarsi le Feste non legga quello che salvini e di maio hanno concordato con i poteri forti (come li chiamano loro) dell'Europa in preparazione dell'uscita dell'Italia dall'euro e dall'Europa stessa come hanno annunciato orgogliosamente.
2018-12-20 20:06:40
Adesso vogliamo vedere la ripresa economica. Se non ci sara' pero' preparatevi la valigia con biglietto senza ritorno. State distruggendo quel poco di buono che era rimasto in questa italietta delle banane con il placet delle indegne istituzioni dormienti e amorfe.
2018-12-20 17:12:40
In due anni hanno incrementato le imposte dirette di 52 miliardi, hanno ridotto al lumicino gli investimenti tutto per finanziare le marchette elettorali. Se questo è il modo di fare le finanziarie che non aumentano le tasse ... auguri a noi!
2018-12-20 16:04:28
Non rigiri la frittata che le è stata propinata. Dopo mesi di posa prone di fronte all'europa i suoi gialliverdi sono venuti a miti consigli. E a lei è rimasto il conto da pagare. Strana la vita a volte, ci si arma, si parte, e si ritorna perdenti, capita se sei un legagrillino.
2018-12-20 14:51:35
Che scorno per giornaloni, giornaletti e giornalini che tifavano per la messa in stato d'accusa del governo giallo verde.