Lucia Annibali non eletta in Toscana: resta fuori dalla Camera dopo la ripartizione dei seggi

Mercoledì 28 Settembre 2022
Lucia Annibali non eletta: resta fuori dalla Camera dopo la ripartizione seggi

Dietrofront Lucia Annibali. Il nuovo calcolo della ripartizione dei seggi operato dal Viminale cambia le cose in Toscana per il Terzo polo: il secondo seggio alla Camera nel plurinominale che avrebbe portato all'elezione di Lucia Annibali, candidata nel collegio Toscana 03 per Azione-Italia viva, è stato invece attribuito al centrosinistra, per il quale viene eletto il candidato Pd Marco Simiani. «Purtroppo è andata così», afferma Annibali, deputata uscente.

 

In Sicilia tolto un seggio alla Lega

In Sicilia il seggio tolto alla Lega, (non sarebbe eletta Annalisa Tardino) nel collegio Sicilia 1 P02 andrebbe al vicesegretario Pd Giuseppe Provenzano che già era risultato eletto nel collegio Sicilia 1 P01. Quindi in Sicilia nei collegi plurinominali alla Camera sono stati eletti sei deputati col M5s, 5 con Fdi, 4 col Pd, 1 con la Lega, 2 con Iv-azione e 2 con Forza Italia. In uno dei due seggi assegnati al Pd, in base ai calcoli elettorali, entrerebbero alla Camera o Teresa Piccione o Giovanna Iacono.

In Calabria fuori la dem Enza Bruno Bossio

Dovrebbe essere Elisa Scutellà la deputata M5S eletta in Calabria al posto della dem Enza Bruno Bossio dopo i ricalcoli effettuati dal Viminale che hanno attribuito un seggio in più, il terzo, al Movimento 5 Stelle, togliendolo dai due del Pd che così si ritrova con un solo eletto, Nicola Stumpo, in quota Articolo 1. Sul sito Eligendo del Viminale vengono indicati i nomi di Federico Cafiero de Raho, Vittoria Baldino e Riccardo Tucci. Tuttavia de Raho, candidato anche in Emilia Romagna, scatterà proprio in quel collegio in quanto la legge prevede che in caso di candidature in più collegi, l'elezione scatti in quello in cui si è preso meno voti. Quindi a salire dovrebbe essere la quarta candidata al proporzionale che è Anna Laura Orrico. Quest'ultima, però, ha vinto la sua sfida nel collegio uninominale. Il suo posto, secondo quanto si apprende in ambienti 5 Stelle, non può essere preso dal primo dei supplenti perché il subentro deve avvenire prima della certificazione ufficiale della lista. Dovrebbe quindi scattare il seggio per la migliore perdente all'uninominale che sarebbe Vittoria Baldino, la quale, però, risulta già eletta come seconda candidata nella lista del plurinominale. Si arriva così a Elisa Scutella, che nel collegio di Catanzaro è arrivata secondo dietro a Wanda Ferro, di Fdi, con il 28,49%.

Tutti i casi delle ultime ore

Il caso più clamoroso è quello di Umberto Bossi: dato per fuori, oggi da riconteggi del Viminale risulta invece eletto. Ma sono tanti i casi di chi pensava di aver ottenuto il seggio e invece nelle ultime ore se lo ha visto sfilare in extremis. In Lombardia, oltre a Bossi, entra anche il tesoriere della Lega, Giulio Centemero. In Piemonte salta Paolo Romano di Verdi-Si e entra la suo posto il 5 Stelle Antonino Iaria. In Toscana deve rinunciare al seggio Lucia Annibali di Iv a favore di Marco Simiani del Pd. E anche nel Lazio per il Pd scatta un seggio in più e andrà al segretario dem di Roma, Andrea Casu. Cambiano le cose anche in Umbria: qui erano stati assegnati nel plurinominale 2 seggi a Pd e 2 a Fdi. Invece ne avranno 1 il Pd, 1 Fdi, 1 M5S e 1 Fi. Guadagna un eletto Iv a scapito del Pd in Abruzzo dove è scattato Giulio Sottanelli al posto di Stefania Di Padova. E non ce l'ha fatta anche la giovane candidata Pd, Caterina Cerroni, che lascia il seggio a Elisabetta Lancellotta di Fdi. In Campania 1 fuori Guido Milanese (FI) a favore Francesco Emilio Borrelli (Verdi-Si). Fuori anche Enza Bruno Bossio del Pd in Calabria ed entra Riccardo Tucci dei 5 Stelle.

Ultimo aggiornamento: 22:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci