Conte e la metamorfosi
di un aspirante premier


Conte e la metamorfosi   di un aspirante premier

di Marco Conti

ROMA Ancora poche ore e si chiuderà il teatrino dei partiti che dovrebbero comporre la maggioranza di governo o restare all’opposizione. Con l’incarico a Giuseppe Conte di formare il nuovo governo, si entra in una fase nuova con il presidente del Consiglio incaricato che assumerà l’onere dettando ai due partiti, M5S e Pd, precise condizioni.
È probabile che assisteremo ad una metamorfosi di Conte dovuta, non più esecutore della volontà dei due leader di maggioranza, ma impegnato a dirigere la politica dell’intero esecutivo e, qualche volta, a battere i pugni sul tavolo. 
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 28 Agosto 2019, 16:20






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Conte e la metamorfosi
di un aspirante premier


CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-08-28 17:58:54
Allora, un signor nessuno, uno che non è stato eletto, rappresenta solo se stesso. Almeno il PdR rappresenta il Pd..., ma lui..., dov'è la volontà popolare? Dov'è la sgangherata democrazia? Non c'è, al massimo si può parlare di poltrone e anche di divani democratici. E pensare che a detta dei kompagni sono morti migliaia di partigiani per dare finalmente le libertà messe al bando dal fascismo, grazie a voi di sinistra potete sputare sui vostri morti e chi ha creduto in voi. Mi sporcherei le mani al solo sfiorarvi.
2019-08-28 17:45:52
Lui ha la benedizione di Trump, il governo rosso-giallo in fieri la benedizione dell'Ue e presumo di Papa Francesco. Della gente chi se ne frega. Amen.