La senatrice Segre: «Non perdono e non dimentico, ma non odio»

La senatrice Segre: «Non perdono e non dimentico, ma non odio»
«Io non perdono e non dimentico, ma non odio. E la trasmissione del non odio e battersi contro l'odio è un ammaestramento utile per i ragazzi e per tutti, perché l'atmosfera dovuta all'ignoranza e all'indifferenza, che è stata la regina del mondo di allora, c'è purtroppo anche oggi». Lo ha detto la senatrice a vita Liliana Segre, parlando alla conferenza Science for peace, organizzata all'Università Bocconi di Milano dalla Fondazione Umberto Veronesi.

LEGGI ANCHE...> Liliana Segre, folla a Milano per il presidio di solidarietà: a migliaia sotto la pioggia
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 15 Novembre 2019, 12:50






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La senatrice Segre: «Non perdono e non dimentico, ma non odio»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2019-11-15 18:19:17
Eh no signora Segre, spero Lei si sia sbagliata. Il non perdonare porta vendetta. Sicuramente la pace no.
2019-11-15 23:55:01
ti sbagli. l'odio porta alla vendetta. il perdono è soggettivo e non ha nulla a che vedere con la giustizia.
2019-11-16 12:29:52
Ciao Weiszman...potrebbe essere, ma io non credo che nemmeno l'odio porti automaticamente alla vendetta. I sentimenti sono da sempre ondivaghi, cioè vanno e vengono.... per conto mio se una persona ha dei valori importanti non si lascia trascinare dai sentimenti...Il "valore" è quello che ti dà l'onore, una forte identità e non è modificabile...lo accetti sia quando ti è a favore, sia quando ti è contrario. Viceversa una persona è minorenne (anche se ha 90 anni), immatura quando i sentimenti prevalgono sui suoi comportamenti.... Detto in soldoni, io non voglio nessuno che mi impedisca di amare, odiare o quel che si vuole, per legge (la commissione Segre)...io voglio essere libero di pensarla come voglio. Ciao
2019-11-16 18:18:27
Caro Fiocchi, sottoscrivo. Nessuno mi deve dire come e quali devono essere i miei sentimenti e i miei pensieri. Queste sono le fondamenta della democrazia, che dobbiamo difendere senza sè e senza ma da ogni tentativo da parte di chi, con l'ipocrisia del politicamente corretto, vorrebbe piegarci alle loro ideologie.
2019-11-16 21:36:45
caro Fiocchi, il mio è un discorso soggettivo. quello che percepisco io non posso Esigere che lo percepisca un altro. secondo me l'odio rovina chi lo prova. che vuoi che ti dica, anche in questo caso dico che so fatto così. buon WE dal Golan:))