Giachetti inizia lo sciopero della fame: «Subito la data del congresso»

Giachetti inizia lo sciopero della fame: «Subito la data del congresso»
«Amici cari, visto che voi vi dedicate alle cene e continuate a prendere tempo mentre il Pd scivola sempre più in basso, io smetto di mangiare. Dalla mezzanotte di ieri sciopero della fame per chiedere che sia fissata subito la data del congresso. #congressosubito». Lo annuncia via Twitter il deputato del Pd Roberto Giachetti.
 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Settembre 2018, 13:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Giachetti inizia lo sciopero della fame: «Subito la data del congresso»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-09-19 13:42:26
Un partito da scopare sotto al tappeto....
2018-09-19 12:57:04
Sta ancora facendo sbellicare dalla risate la notizia. La sinistra lancia l’allarme anche per il cane fascista. Ci rendiamo conto? La follia durante il consiglio comunale cittadino di Monza, quando l’assessore del Pd Marco Lamperti, all’opposizione, ha chiesto delucidazioni sul nome del cane poliziotto. Narco della Decima Mas, questo il nome per esteso dell’animale, sarebbe un chiaro riferimento alla Decima Flottiglia Mas, unità della marina italiana che, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, fece parte del corpo militare della Repubblica di Salò. «Trovo di poco gusto – dice l’assessore – il riferimento alla Decima Mas: forse non tutti sanno o si ricordano cosa è stato». Pena. Il cane collabora da tempo con l’unità cinofila della Poliza locale di Monza, con supporto alle attività di contrasto dello spaccio di stupefacenti. Sembra che l’origine del nome derivi semplicemente dall’allevamento di provenienza del cane, Decima Mas di Agugliano. Nel pedigree va specificato per intero il nome. Le beffe non sono mancate, come quella delle opposizioni che dall’altra parte del banco hanno stigmatizzato la gaffe. «Comunque ho un goniometro e posso assicurare che in ogni movimento della sua zampa, Narco non fa il saluto romano. Abbiamo fatto poi dei controlli nella sua cuccia e non abbiamo trovato busti di Mussolini». Fiano può stare tranquillo. Che figura. È assolutamente ridicolo che la sinistra italiana si sia ridotta a questo, con la complicità della legge Fiano che ha reso ridicolo quello che era nell normalità delle cose e che non ha mai suscitato polveroni nè pericoli di sorta. I nomi di cane “Dux”, ad esempio, ce ne sono a migliaia ma nessuno ha mai pensato di fare politica parlando di cani. Neanche nel dopoguerra si è assistito a questa caccia alle streghe. C’erano stati casi “umani”, il bagnino di Chioggia, il barista di Modica, che poi ha avuto ragione. Ma mai ci si era spinti a dare la caccia ai nomi di animali. Un salto di qualità preoccupante. Forse ha ragione Calenda quando dice che il Pd sta diventando un caso da psichiatria. Certamente la sindrome maniaco-ossessiva in tema di fascismo potrebbe essere una diagnosi plausibile. No, il povero Narco non è un “fascistone”, tranquilli tutti!
2018-09-18 22:59:09
Se e' una persona seria, si deve pesare pubblicamente prima e dopo.
2018-09-18 22:08:17
Sta tento de no sparir già tu se un bel becanot.
2018-09-18 16:16:19
Tra una cenetta convocata e disdetta, tra un richiamo agli “psichiatri” e uno scambio di veleni, l’ultima puntata del film “Psyco Pd” fa registrare una proposta “gandhiana” di Roberto Giachetti: «Amici cari, visto che voi vi dedicate alle cene e continuate a prendere tempo mentre il Pd scivola sempre più in basso, io smetto di mangiare. Dalla mezzanotte di ieri sciopero della fame per chiedere che sia fissata subito la data del congresso. Da registrare anche un piccolo giallo proprio sulle parole pronunciate da Carlo Calenda in mattinata a Radio Capital. «Non ho mai pronunciato la parola estinzione per il Pd. È una constatazione del conduttore della trasmissione radio “Circo Massimo” Massimo Giannini, non mia. Quello che ho detto è che sono convinto che alle prossime elezioni europee il Pd non ci debba essere ma debba esserci un fronte repubblicano-progressista che recuperi del Pd la parte di classe dirigente locale e nazionale capace”, puntualizza Carlo Calenda. Nessuna smentita, invece, sulla frase relativa alla necessità di chiamare gli psichiatri per venire a capo del Pd…, ma smettetela e siate uomini e questi sarebbero gli eletti del PD che vogliono governare l'Italia? Per questo ne senti pochi che dichiarano di aver votato Pd e se potessero tornare indietro col cavolo che lo rifarebbero, come dar loro torto! Se questi rappresentanti esprimono il loro elettorato come non farsi una sonora risata! AHAHAHAHAHAHAHAHAH.