Fico: «Dalla Diciotti i migranti dovevano scendere il primo giorno»

PER APPROFONDIRE: m5s, matteo salvini, roberto fico
Fico, applausi alla Festa dell'Unità: sui migranti il M5S troppo in là non potrà andare. Libia? Problema lasciato dalla Francia

di Stefania Piras

Riceve appalusi e abbracci e domande su Luigi Di Maio: «Quest'alleanza con la Lega regge? Va tutto bene?». E il presidente della Camera Roberto Fico, a suo agio alla festa dell'Unità di Ravenna, si muove e risponde a tono. Sale sul palco di una festa politica, dopo che sul palco della festa del suo Movimento non ci era andato per protesta contro il leaderismo. E oggi, di fronte ai volontari della festa dell' Unità e agli elettori dem infiamma spesso la platea quando parla del ricalcolo dei vitalizi e parla del suo intenso lavoro diplomatico per far scendere i ventinove minorenni dalla nave Diciotti. Insomma siamo lontani anni luce dal mood legalitario di Matteo Salvini. 
 


Ma al di là di tutto Fico è consapevole che il contratto firmato con la Lega supera qualsiasi sensibilità che pure il Pd gli riconosce. «Conosco il mio movimento e so bene che nel contratto di governo ci si muove, ma troppo al di là non si potrà più muovere. Sull'immigrazione noi avevamo votato una mozione nel parlamento italiano dove ci sono tre punti. E quei tre punti, in linea di massima, si seguiranno». Così Roberto Fico, dal palco della Festa Pd. I tre punti sono lavorare perché «se arrivi in Italia arrivi in Europa», «corridoi umanitari seri e controllati» e hotspot nei Paesi di origine.

«Non dobbiamo distruggere ma ricostruire e cercare di capire», dice Fico parlando delle prossime elezioni europee e sperando in un'alleanza del Movimento 5 stelle lontana dai Visegrad. Ma quando gli chiedono dove andranno i pentastellati dopo il 29 maggio risponde «Non lo so». Le alleanze sono una prerogativa del capo politoco del M5s, e quindi di Luigi Di Maio. È chiaro che le posizioni dei Paesi di Visegrad «sono contro gli interessi dell'Italia, ma non è che con Macron abbiamo grande scelta, dopo quello che hanno fatto a Ventimiglia a Bardonecchia e in Libia. Non ci sono da un lato in barbari e dall'altro le persone perbene», ha detto Fico. 
«Prima volta alla festa dell'Unità? No non è la prima. Ma non ci andavo da 15 anni». L'ha detto dal Palco della Festa nazionale del Pd in corso a Ravenna, il presidente della Camera, Roberto Fico. Arrivando, Fico aveva sottolineato come non fosse «la prima volta che un presidente della Camera varca queste porte. E oggi qui sono stato invitato come Presidente della Camera, e andrò anche ad altre feste di altri partiti politici. Ma mi fa molto piacere essere qui e dibattere. Un segnale? Credo che quando ti arriva l'invito di un partito politico e tu sei presidente della Camera sono inviti che vanno accettati e poi parliamo francamente di tutti i temi».

Prima di salire sul palco con Graziano Delrio, Fico ha visitato lo stand che ospita l'installazione #tienimilemaninonannegherai contro le scelte del Governo in materia di soccorso in mare ai migranti. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 3 Settembre 2018, 19:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fico: «Dalla Diciotti i migranti dovevano scendere il primo giorno»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 28 commenti presenti
2018-09-04 17:11:04
L'ex Iena Dino Giarrusso sbarca nel governo del cambiamento, trovando lavoro al ministero dell'Istruzione. Trombato alle ultime elezioni politiche, tra i pochi grillini che non sono riusciti a farcela a Roma e sconfitto addirittura da un candidato di +Europa, Giarrusso era riuscito a trovare lavoro come coordinatore della comunicazione del gruppo consiliare grillino alla Regione Lazio. Finita prima del tempo l'esperienza al Consiglio regionale laziale, Giarrusso è stato chiamato direttamente dal sottosegretario all'Istruzione Lorenzo Fioramonti, già professore all'università di Pretoria, in Sudafrica. Per lui Giarrusso coordinerà la comunicazione, avrà il compito di "mantenere i rapporti istituzionali tra il mio ufficio e il Parlamento e gli altri ministeri, Dino - ha aggiunto il sottosegretario, dirigerà il nostro osservatorio sui concorsi nell'università e negli enti di ricerca... chi meglio di una ex Iena per farlo". Certo, come non dimenticare i grandi successi delle Iene sui casi Stamina, le inchieste farlocche sul fenomeno del Blue Whale, e ultima ma non ultima l'inchiesta dello stesso Giarrusso sulle presunte molestie sessuali del regista Fausto Brizzi, finite in un nulla di fatto dopo avergli reso la vita un inferno per mesi. Mistero, Xfile, roba da area51.
2018-09-04 15:12:41
L'invidia si sa è una brutta bestia e di rosicate clamorose dentro il Partito democratico ne potrebbero raccontare per anni e anni. Un esempio fin troppo facile è quello della deputata Anna Ascani, con la faccia letteralmente viola dopo avere visto il presidente della Camera, Roberto Fico, accolto dalle ovazioni del popolo dem alla Festa nazionale dell'Unità a Ravenna. La Ascani non perde l'occasione non solo di attaccare il grillino, ma anche di continuare a non capire un tubo dei suoi elettori e della base di militanti Pd. Era dai tempi di Enrico Berlinguer che alla Festa dell'Unità non veniva applaudito in quel modo un politico, eppure secondo la Ascani: "Foglia di Fico è un predicatore, non troppo empatico. Un personaggio studiato a tavolino dalla Casaleggio per recitare un copione di 'sinistra' mentre Di Maio copre a 'destra'. Rispetto la sua carica, ma questa sfilata con 'applausi' (della claque) e 'abbracci' l'avrei evitata".
2018-09-04 14:50:48
Con quale criterio il M5S ha scelto di dar una posizione di rilievo a un PIEDDINO VERACE non è dato saperlo.... Fico i pseudoprofughi bisogna portarli a casa della tua compagna ... poi ti "assumi" in nero come la colf e il factotum come quelli scoperti dalle Iene?
2018-09-04 14:18:39
Io la penso in parte come l’On. Roberto Fico, del M5S. Oltre ai tre punti che ha citato nel secondo capoverso e che condivido, bisogna pensare ai milioni di extracomunitari che ci sono in Italia e che il M5S e la Lega hanno sempre dichiarato che bisogna rimpatriare. E non dimentichiamo quelli che arriveranno a causa del riaccendersi della guerriglia in Libia di questi giorni. Non è il caso che la Lega e il M5S presentino una proposta di Legge efficace sulla modalità dei rimpatri dei migranti? Lo dico perché se si continua a lamentarsi degli sbarchi e non si provvede in merito vuol dire che non si vuole proprio risolvere il problema dell’ Immigrazione, ma che si vuole solo fare propaganda elettorale.
2018-09-04 14:55:26
Guardi, il Leroy Marlin è aperto fino alle 21.....Penso sia ora che Lei provveda alla sostituzione delle ormai misurate ventose con un nuovo paio. Quelle che attualmente ha in uso presentano seri problemi di tenuta negli specchi, specchi nei quali Lei sta tentando una inutile, quanto disperata salita. Cordialità