Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Draghi, discorso in Senato interrotto 18 volte da applausi (ma non di Lega e M5s). Ha parlato mezz'ora

Piccolo inciampo per il premier per i due microfoni della postazione che restituivano all'aula un rimbombo

Mercoledì 20 Luglio 2022
Draghi, discorso in Senato interrotto 18 volte da applausi (ma non di Lega e M5s). Ha parlato mezz'ora
2

Un discorso interrotto 18 volte dagli applausi, una volta da un problema tecnico, un'altra da una standing ovation in memoria di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e ogni tanto da qualche grido di contestazione. Abito scuro, cravatta blu e camicia bianca, il presidente del consiglio Mario Draghi ha tenuto le sue comunicazioni al Senato, parlando per 32 minuti e 17 secondi. Seduto alla sua destra c'era il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, e alla sua sinistra il responsabile della Difesa, Lorenzo Guerini.

Il primo inciampo è stato per i due microfoni della postazione del premier, che restituivano all'aula un rimbombo: qualche attimo di incertezza, poi Draghi li ha allontanati l'uno dall'altro e ha potuto proseguire senza intoppi.

 

Gli applausi

Alla serie di applausi che ha scandito le comunicazioni, non hanno mai partecipato i Cinque stelle: i senatori del Movimento sono rimasti impassibili, come quelli di FdI, che è all'opposizione. Alla fine, quando l'intervento si è chiuso, anche gli esponenti della Lega sono apparsi piuttosto freddi, con Matteo Salvini che è rimasto immobile. L'applauso più lungo è stato quello rivolto al ricordo dei giudici Falcone e Borsellino, nel trentesimo anniversario della loro scomparsa: l'Aula si è alzata in piedi. Fra le proteste, quella di un senatore del M5s: quando Draghi ha parlato della riforma delle pensioni, gli ha gridato «Un'altra?». La presidente del Senato, Elisabetta Casellati, ha cercato di frenare le intemperanze: «Per cortesia, avete 5 ore e mezzo per poter discutere», ha ammonito i senatori quando Draghi stava concludendo il suo intervento.

Ultimo aggiornamento: 16:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci