Bagno di folla e Tricolori per Salvini: «Daremo il sangue per una nuova comunità europea»

PER APPROFONDIRE: lega, roma, salvini
Matteo Salvini

di Mario Ajello

"Vinceròòò....", cantata da Pavarotti e sale sul palco Matteo Salvini. Ovazione. «Voi siete l'avanguardia dell'orgoglio, del cambiamento e della dignità di questo Paese», dice subito il leader della Lega. E fa salire al suo fianco nel palcoscenico di Piazza del Popolo decine di sindaci leghista.

La parola che usa Salvini è "buon senso" ed è quella che usano tutti in questa piazza molto popolana, per niente borghese, non somigliante alle piazze berlusconiane, semmai più simile sociologicamente a quelle che un tempo erano della sinistra. La vecchia Lega bossiana non c'è più, c'è la Lega nazionale anche molto sudista.
«Marciare uniti e compatti, e così non avremo paura di nessuno», dice Salvini.

La piazza è sovranista e il Made in Italy è il suo orgoglio. Salvini fa salire sul palco anche i cuochi italiani (sarà un messaggio subliminale a Elisa Isoardi?) che hanno vinto medaglia d'oro nei campionati mondiali della cucina. Cita De Gasperi:
«Un politicante bada alle prossime elezioni, uno statista alle prossime generazioni».
 


E ancora: «Oggi è il giorno dedicato alla Vergine Maria. Vi leggo queste righe: un'unione di popoli distinti etnicamente, questo dev'essere l'Europa. Che deve avere anima e identità". Si blocca un attimo Il Capitano e poi: "Sapete chi ha scritto queste cose? Un pericoloso populista che si chiamava Giovanni Paolo II».

Da Wojtyla a Martin Luther King:
«Per farsi dei nemici, non è necessario dichiarare guerra basta dire quello che si pensa». Ovazione. Ma questa è ancora più forte, a proposito dei gilet gialli: «Chi semina povertà raccoglie protesta. Dunque l'Europa deve cambiare, mentre «l'Italia sta già cambiando moltissimo». Matteo, Matteo, Matteo, grida la folla. E lui: «"Chiedo a voi, sono andato di andare a trattare con la Ue a nome di sessanta milioni di italiani che vogliono continuare a coltivare la speranza. Volere è potere!».

Poi aggiunge: «Crescita sostenibile, protezione sociale, miglioramento di qualità della vita e solidarietà: sono nei trattati fondativi dell'Europa. Qualcuno ha tradito il sogno europeo, noi daremo il sangue per una nuova comunità europea». E ancora: «Quello che abbiamo ottenuto in questi mesi non è il frutto del lavoro di uno ma di tutti. Ringrazio Luigi (ndr Di Maio) per il suo lavoro: questo governo vuole durare cinque anni».


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 8 Dicembre 2018, 11:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bagno di folla e Tricolori per Salvini: «Daremo il sangue per una nuova comunità europea»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 56 commenti presenti
2018-12-10 09:09:56
steyr 95 apprezzo molto i suoi sforzi per stigmatizzare il fatto assodato che la lega MAI darà l'autonomia al nord. Deve tener conto del fatto oggettivo che la lega MAI ucciderà la gallina dalle uova d'oro fatta di vuote promesse ai poveri creduloni leghisti. Sono 30 anni che ci cascano. Solo il PD aveva gettato le basi per una vera autonomia ma i legaioli non l'hanno accettata. Toscani-Toscani! Comunque bravo salvini ad aver abbandonato i sogni leghisti ed ad aver unificato finalmente l'Italia.
2018-12-10 08:35:08
Non vorrei aver capito male. salvini ha detto che si va via da roma ladrona e fuori dall'europa e dall'euro? Però mi è sfuggita la data della secessione del nord. Non vorrei ci stessero male i vari legaioli per essere stati dimenticati da salvini il quale, sembra aver fatto sue le politiche del PD.
2018-12-09 21:46:11
calmati salvini.anche il duce faceva questi comizi.
2018-12-08 19:39:55
..ormai lega del sud
2018-12-08 19:26:26
Il sangue lo togliete a noi con la vostra disonesta stupidità!