Centrodestra diviso dopo le consultazioni. Giorgetti: «Berlusconi oggi ha sbagliato»

PER APPROFONDIRE: lega, matteo salvini, silvio berlusconi
Centrodestra diviso dopo le consultazioni. Giorgetti: «Berlusconi oggi ha sbagliato»
Centrodestra diviso dopo le consultazioni al Quirinale. Mentre Matteo Salvini è pronto a coinvolgere i 5 stelle in una maggioranza di governo, Silvio Berlusconi chiude a ogni ipotesi di intesa con Luigi Di Maio. «Non siamo disponibili a un governo fatto di pauperismi e giustizialismi e populismi e odio che innescherebbe una spirale recessiva e di tasse elevate con fallimenti a catena anche nel settore bancario», ha detto con un chiaro riferimento ai 5 stelle.

«Oggi Berlusconi ha messo un punto fermo rispetto al fatto che il M5s non deve andare al governo. Hanno preso il 32%, è difficile tenerli fuori in una fase come questa. Secondo me tatticamente Berlusconi ha sbagliato, ha alzato la palla a Di Maio che l'ha semplicemente schiacciata. Di Maio ha avuto gioco facile oggi pomeriggio, ed è finito il cinema», ha affermato il vice segretario della Lega, Giancarlo Giorgetti, a Matrix su Radio 105.

Raccontano che Silvio Berlusconi non abbia usato mezzi termini per descrivere al Capo dello Stato l'atteggiamento tenuto fino ad ora dai pentastellati bollati dal Cavaliere come un partito «pigliatutto»: volevano fare politica innovativa - è il ragionamento - e invece pensano solo ad occupare i posti. Ed il caso della mancata assegnazione di una vicepresidenza all'opposizione ne è la dimostrazione. A Sergio Mattarella Berlusconi non ha nascosto la preoccupazione per le difficoltà nel formare il governo e per l'atteggiamento del Movimento Cinque Stelle da cui non accetta continue umiliazioni. 

E che l'ex premier non abbia intenzione di ammorbidire i toni verso il Movimento Cinque Stelle lo dimostrano anche le parole usate al termine delle consultazioni con il Capo dello Stato. Senza mai citare Luigi Di Maio, il leader di Fi ha ribadito l'indisponibilità del suo partito a sostenere un governo «pauperista, giustizialista e populista». Un partito - avrebbe spiegato anche al Capo dello Stato - a cui guardano con preoccupazione anche le forze moderate europee. Berlusconi si sarebbe fatto portavoce dei timori del partito popolare europeo di fronte ad un governo a guida pentastellata senza che ci sia la presenza di Forza Italia, garanzia dei moderati. È infatti la collocazione di Forza Italia nel governo uno dei problemi da risolvere per dare il via all'esecutivo. Berlusconi (lo ha ribadito anche nel corso si un pranzo con i vertici del partito incontrati a palazzo Grazioli) non ha nessuna intenzione di avere un ruolo da comparsa: se dobbiamo sostenere un governo dobbiamo avere pieno diritto a farne parte. Un avviso che l'ex
premier manda a Matteo Salvini.

Il primo giro di consultazioni certifica dunque l'aumento delle distanze anche tra i due alleati. Il Cavaliere parla di governo con figure di «alto profilo» e continua ad aspettare segnali dal Pd, mentre il leader della Lega insiste nel dialogo con i pentastellati. E sono proprio le parole usate dal Cavaliere contro i cinque stelle ad irritare la Lega: Non era quello che ci aspettavamo, così salta tutto è il leit motiv dei leghisti. E che tra all'interno della coalizione la tensione sia alta lo dimostra anche la stoccata di Giancarlo Giorgetti al Cavaliere.

Ora gli occhi sono puntati sulle mosse di Salvini e il timore che aleggia a palazzo Grazioli è che il leader della Lega possa essere tentato dalle sirene del governo con Di Maio snobbando gli alleati storici: «Se rompe la coalizione - avrebbe avvisato Berlusconi - ne risponderà agli elettori e potrà contare solo sul 17% dei consensi». Ma, parallelamente, a preoccupare i fedelissimi di Berlusconi è che la tentazione di un governo con i 5 stelle possa accelerare anche l'opa della Lega su Forza Italia.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 5 Aprile 2018, 19:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Centrodestra diviso dopo le consultazioni. Giorgetti: «Berlusconi oggi ha sbagliato»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2018-04-06 15:21:58
Berlusconi è esilarante. Dopo allevato lui Salvini con grazie ai vari Belpietro, Giordano, Del Debbio e i teatrini anti-sinistra delle reti mediaset, ora viene a dire che lui è contro i populismi. E' alleato con Salvini ed è contro i populismi? Comunque ormai neanche mia nonna lo vota più....
2018-04-06 11:50:15
Risultato di una Legge Fiano fatta dal PD per l'ingovernabilita' ben sapendo che la sinistra era alla canna del gas! Bisogna ripristinare il premio di maggioranza, per chi supera il 35 % dei consensi. Il resto e' aria fritta!
2018-04-06 13:58:39
Caro comico si chiamava Italicum e a quest'ora non ci sarebbe più ne Senato , ne Cnel,e Salvini sarebbe democraticamente al potere con tutto il centro destra, poi non bisogna mai dimenticare che questa legg eletorale l'hanno voluta Salvini, Renzi, Berlusconi, mentre Di Maio (Grillo) come da prassi non l'ha votata perchè preferivano il proporzionale puro come caldeggiava il costituzionalista Zagrlbescki.
2018-04-06 11:42:29
Salvini deve rassegnarsi ad avere le altre due "spalle", senza queste non andrebbe da nessuna parte con i voti che ha. Quindi vedete di tener fede alla coalizione. Mal che vada si torna alle urne, sperando che i cittadini si rendano conto di dove mettono la croce.
2018-04-06 11:32:19
Ma se sono una coalizione perchè si sono presentati separati...certo che neanche i destorsi brillano per intelligenza...