Boldrini rompe con Leu: «Progetto senza futuro», la replica: «Trattati come autobus elettorale»

PER APPROFONDIRE: boldrini, leu, rottura
Boldrini rompe con Leu: «Progetto senza futuro», la replica: «Trattati come autobus elettorale»
Non c'è più feeling tra Liberi e uguali e Laura Boldrini, ma solo accuse di ingratitudine e rinfacci reciproci. «Non siamo un autobus elettorale», è la critica del partito di sinistra nato a ridosso delle elezioni del 2018 all'ex presidente della Camera che, secondo i suoi ex colleghi, si sarebbe fatta eleggere per poi voltargli le spalle  nell'impresa di ricostruire la sinistra dopo la disfatta elettorale del 4 marzo.
Per Boldrini la storia va letta in un altro modo: il suo era un ruolo da «indipendente» dentro LeU. Ancora più tranchant sull'idea del nuovo partito della sinistra: «Era un progetto senza futuro», taglia corto.
La miccia, nel partito che il 24 novembre si troverà in assemblea costituente a Roma, parte da Milano: viene infatti dalla terra in cui Boldrini è stata candidata ed eletta (in 5 collegi plurinominali e uno uninominale) la lettera aperta che attacca l'attuale deputata LeU: «Cara Laura Boldrini, spero che per te il detto "mi faccio eleggere, poi chi si è visto si è visto" oppure 'le promesse che si fanno ai grulli, poi non si devono mantenere", almeno per te non valga. Spero insomma che la nostra comunità, per quanto piccola, sufficiente comunque per farti eleggere, non sia stata intesa solo come un autobus elettorale».
Boldrini si difende smarcandosi: «Da indipendente, non ho avuto nessun ruolo dirigenziale in Liberi e Uguali». Ma le accuse del partito guidato da Pietro Grasso, continuano e sfiorano il tradimento: «Sai che alla comunità che ti ha eletto, è stato promesso che, dopo il 4 marzo, avreste tutti lavorato per costruire insieme un soggetto politico della sinistra, c'era scritto anche nel programma che avete presentato agli elettori..». L'ex numero uno di Montecitorio non ci sta e replica con realismo: «Il risultato del 4 marzo ha sancito una inequivocabile sconfitta del centrosinistra, compresa la lista di LeU che ha superato a stento il 3%. Come si poteva pensare di trasformare una sconfitta di quelle dimensioni in un partito? Era un progetto senza futuro». Il suo impegno resta, assicura, lavorando «per un'area progressista aperta». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 19 Novembre 2018, 21:25






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Boldrini rompe con Leu: «Progetto senza futuro», la replica: «Trattati come autobus elettorale»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 13 commenti presenti
2018-11-20 11:55:37
Chissà se il Pd, Forza Italia e LeU saranno rappresentati in Parlamento nella prossima Legislatura.
2018-11-20 13:52:26
probabilmente con qualche "simbolo" e pure "sigla" rinnovati dopo tanti "vegetali":la quercia, la rosa, la margherita, il garofano, l'edera, l'ulivo, penso ci siano ancora "nuovi e mai prima utilizzati finora" Cipresso e Crisantemo...[fanno pure tanto 2 novembre] per la sigla: R.I.P. (per il nome fate vobis)
2018-11-20 09:50:48
Non ho capito, ma c'è stata una scissione dentro LEU? e questi sono le grandi menti della sinistra Italiana? quelle che danno lezioni a tutti? Mi raccomando, che a qualcuno di questi non venga in mente di chiedere di rientrare in PD, sarebbe come se Renzi si alleasse con i grillini, una presa per i fondelli.
2018-11-20 11:19:03
nel P.D.(police department?) c'e' gia' la baruffa fra il commissario "Montalbano sono" e il tenente "Kojak"
2018-11-20 08:19:59
## Beh,in tutti i partiti come nelle altre cose del mondo ci sono i '' furbi'' ed i '' fessi''. Basta mettersi d'accordo su chi ,io una mezza idea me la sono fatta.Ma si,faranno un nuovo partito,a guida Boldrini-Kyenge-Casarini,che prendera' il 9.66 % .