Tajani su Mussolini: «Fino alla guerra ha fatto anche cose positive»

PER APPROFONDIRE: antonio tajani, benito mussolini
Tajani su Mussolini: «Fino alla guerra ha fatto anche cose positive»
«Mussolini? Fino a quando non ha dichiarato guerra al mondo intero seguendo Hitler, fino a quando non s'è fatto promotore delle leggi razziali, a parte la vicenda drammatica di Matteotti, ha fatto delle cose positive per realizzare infrastrutture nel nostro paese, poi le bonifiche. Da un punto di vista di fatti concreti realizzati, non si può dire che non abbia realizzato nulla». Lo dice a La Zanzara su Radio 24 il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani, di Forza Italia.

«Poi - aggiunge Tajani - si può non condividere il suo metodo. Io non sono fascista, non sono mai stato fascista e non condivido il suo pensiero politico. Però se bisogna essere onesti, Mussolini ha fatto strade, ponti, edifici, impianti sportivi, ha bonificato tante parti della nostra Italia, l'istituto per la ricostruzione industriale. Quando uno dà un giudizio storico deve essere obiettivo, poi non condivido le leggi razziali che sono folli, la dichiarazione di guerra è stata un suicidio». Qualcosa dunque va salvato del fascismo, è stato chiesto infine a Tajani: «Certamente sì, certamente non era un campione della democrazia. Alcune cose sono state fatte, bisogna sempre dire la verità. Non bisogna essere faziosi nel giudizio. Complessivamente non giudico positiva la sua azione di governo, però alcune cose sono state fatte. Le cose sbagliate sono gravissime, Matteotti, leggi razziali, guerra. Sono tutte cose inaccettabili».

Tajani poi su Twitter precisa di essere da sempre antifascista. «Si vergogni chi strumentalizza le mie parole sul fascismo! Sono da sempre un antifascista convinto. Non permetto a nessuno di insinuare il contrario. La dittatura fascista, le sue leggi razziali, i morti che ha causato sono la pagina più buia della storia italiana ed europea». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 13 Marzo 2019, 21:51






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tajani su Mussolini: «Fino alla guerra ha fatto anche cose positive»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-03-16 18:02:56
Il Durante il Fascismo furono comminate complessivamente 118 condanne a morte. Tra queste, quelle del Tribunale Speciale, che operò dal 1927 al 1943 occupandosi solo di reati di natura politica, furono 65 (di cui 53 eseguite), la maggior parte delle quali per attività spionistiche nel periodo tra il '40 e il '42. Negli Stati Uniti dal 1977 al 2003 le esecuzioni sono state: - 677 con l'iniezione letale - 150 tramite sedia elettrica - 11 con l'utilizzo della camera a gas - 3 per impiccagione - 2 per mezzo della fucilazione Dal 2004 al 2015 le esecuzioni sono state circa 160. Non sono disponibili i dati relativi a Francia e Inghilterra, gli altri due stati che si ergono ad esempio universale di democrazia, ma potete scommettere che, per tutto il periodo moderno in cui la pena capitale rimase in vigore, le esecuzioni furono sicuramente superiori a quelle eseguite sotto il Duce.
2019-03-14 15:29:20
Nella storia moderna dell'Italia nessuno è riuscito a raderla materialmente al suolo e ad eliminare fisicamente un'intera generazione di Italiani come Mussolini e i fascisti. Questa è storia il resto e fuffa.
2019-03-15 15:00:44
Gli errori e le stupidaggini di Mussolini sono tanti e documentati. Ma negarne gli aspetti positivi toglie credibilita' ai suoi giudici, e pone dubbi sulle verita' dei vincitori. Solo un'analisi severa ma corretta porra' fine a quel triste scorcio di storia italiana.
2019-03-14 14:44:02
Negare le verita' toglie valore alla lotta. I Romani lodavano sempre il nemico battuto, in tal modo ampliavano il valore delle loro vittorie. Ma erano intelligenti ed abili.
2019-03-14 12:52:46
Ovviamente. Il forzista rimembra la puntualità dei treni.