Di Battista e l'azienda di famiglia: non paga debiti e lavoratori

PER APPROFONDIRE: alessandro di battista, padre
Di Battista e l'azienda di famiglia: non paga debiti e lavoratori

di Simone Canettieri

Un altro affare di famiglia agita le acque dei vertici del M5S. Dopo l'impresa edile di Antonio Di Maio da Pomigliano, padre di Luigi; questa volta tocca a Vittorio Di Battista, da Fabrica di Roma (Viterbo). Se il genitore del vicepremier è finito nei guai per il lavoro nero di alcuni operai, fabbricati abusivi e un'ipoteca da 350mila euro, ora scoppia la storia della Di.Bi.Tec. Ovvero «una delle prime aziende in Italia nella produzione e nella distribuzione di accessori tecnologici per il bagno», come si legge sul sito internet. Secondo la visura camerale pubblicata da Il Giornale, l'impresa del papà di Alessandro ha 53mila e 370 euro di debiti verso i dipendenti, 151.578 euro di debiti verso le banche; 135.373 euro di debiti verso i fornitori; 60.177 euro di debiti tributari, dunque verso lo Stato.
In realtà la srl, che si occupa della vendita di manufatti in ceramica e apparecchi igienico sanitari, possiede dei titoli bancari «Carivit» pari a 116.227 euro che però non sono stati utilizzati per ripianare i debiti. Questi numeri si riferiscono al 2016 perché l'azienda non ha ancora pubblicato il bilancio 2017. L'ex parlamentare del M5S risulta essere socio dell'impresa di famiglia (al 20%) così come la sorella, Maria Teresa. Una situazione comune a gran parte delle aziende del distretto ceramico dell'Alta Tuscia, da anni in crisi.

Di Maio: «Giustissimo fare le pulci alla mia famiglia, ho conosciuto nuovi aspetti di mio padre»

LE REAZIONI
Il primo ad attaccare è l'ex premier Matteo Renzi, a sua volta finito nel mirino per le vicende del babbo Tiziano. «Non pongo il problema dei due pesi e due misure con altre vicende recenti. Pongo un problema di democrazia dell'informazione», attacca Renzi a proposito del risalto mediatico della notizia. «Fico con la colf in nero in casa. Di Maio prestanome di un'azienda che scappa dal fisco. Di Battista che semina debiti come fossero post. Ma con quale faccia parlano di onestà?», conclude Renzi.
Nel primo pomeriggio arriva però la replica di Di Battista, ormai verso la strada del ritorno dal Sud America (previsto lunedì). La prima invettiva è contro Renzi («Gli brucia perché ti ho fatto il c...al referendum costituzionale»), poi gli attacchi a Berlusconi («Se mi provoca tornerò davanti ai cancelli di Arcore»).
Di Battista si gioca anche una carta a sorpresa: la lettera firmata del Cavaliere, datata 29 ottobre, nella quale si rammarica di aver dichiarato che l'ex parlamentare non fosse laureato. Ma in merito all'azienda di famiglia, il grillino ammette: «Ebbene sì, la nostra azienda va avanti, con enormi difficoltà. Mio padre, ad oltre 70 anni, lavora come un matto. Il carico fiscale è enorme. L'azienda ha avuto difficoltà a pagare puntualmente i 3 dipendenti (tra cui mia sorella)».

IL PERSONAGGIO
Se il figlio ammette, il padre nega: «Non sono capaci a leggere i bilanci», dice Vittorio, «fascista liberale» per autodefinizione, grande commentatore della politica su Facebook e finito sott'inchiesta per vilipendio al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. («Fai il tuo dovere e non avrai scocciature»). Ieri i cronisti che si sono avvicinati alla casa di Vittorio Di Battista non sono stati accolti proprio con piacere. E tra pochi giorni torna il figlio, pronto a dare forza al M5S in vista delle Europee con un occhio obbligato anche agli affari di famiglia.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Dicembre 2018, 07:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Di Battista e l'azienda di famiglia: non paga debiti e lavoratori
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-12-18 20:47:46
A corredo dei miei due interventi di oggi sul Gazzettino, al quale sono grato perché pubblica sempre i miei commenti, questa sera sul Tg de la 7 delle ore 20.00 ho appreso una notizia straordinaria, fantastica che immagino farà contenti milioni di Cittadini: è stata approvata definitivamente alla Camera dei Deputati la Legge Anticorruzione proposta dal M5S. L’Italia sta cambiando in meglio e questo grazie al contributo di due Forze politiche: Lega-M5S.
2018-12-18 20:20:48
Discutere lo Stato con Di Battista: una visione sudamericana.
2018-12-18 17:32:36
Immagino faccia molto piacere al M5S che, quando viene pubblicato un articolo che riguarda un Politico, un Esponente di questo Movimento, per esempio il Dott. Rocco Casalino, il Sig. Beppe Grillo e anche uno o più familiari, come in questo caso del papà del Dott. Alessandro Di Battista e in quello del Vice Presidente del Consiglio dei Ministri, l’On. Luigi Di Maio alcuni giorni fa, siano numerosi i Lettori di questo Quotidiano che intervengono con commenti più o meno positivi. Mentre per Politici legati ad altri Partiti i commenti sono quasi sempre ridotti al lumicino come per esempio l’articolo di ieri sul Governatore della Calabria, del Pd. Questo sta a testimoniare che il M5S è una Forza politica che nonostante tutto, i pregi e i difetti, gli errori che commette e che non ripete, piace, incuriosisce e interessa i Cittadini. E questo fa molto piacere anche a me che sono un semplice, comune simpatizzante.
2018-12-19 09:09:50
@ infatti,guarda con che gente abbiamo -dovuto- fare una innaturale,ibrida alleanza. Speriamo che gli elettori rinsaviscano in fretta,cosi' che ognuno possa felicemente tornare al suo posto,voi col PD o quel che ne resta,e noi con il centro-destra,o quel che ne resta.
2018-12-18 17:24:39
Gia' che ci siamo: INDAGHIAMO SU OGNI azione di ogni parlamentare ed ex-parlamentare e sulla sua "famiglia," per vedere quante ILLEGALITA' (di lavoro nero, abusivismo, corruzione, tasse FUORI d'Italia, ed altro queste persone "elette" hanno GODUTO)...NON solo per due parlamentari, signori miei....lasciando il popolo a PAGARE, INDEBITARSI o MIGRARE (con tutti i documenti richiesti). Nessuno che vuole fare una scala preliminare? Almeno ci divertiamo pure noi.