Adozioni, Salvini attacca Conte: «Faccia di più». Replica: «Responsabile è Fontana». Ma lui: «Ho rimesso la delega»

Adozioni, Salvini attacca Conte: «Faccia di più». Replica: «Responsabile è Fontana». Ma lui: «Ho rimesso la delega»
«Da oltre un mese il Ministro Fontana ha chiesto di formalizzare la remissione della delega relativa alle adozioni internazionali». La precisazione arriva in serata, dopo che sul tema adozioni si è consumato uno scontro senza precedenti tra il premier Giuseppe Conte e Matteo Salvini.

A innescarlo sono state le parole del ministro dell'Interno che dal Congresso delle famiglie di Verona, ha sottolineato: «Sul tema delle adozioni da Conte mi sarei aspettato di più» (video). Una frecciata da leggere anche come una reazione di Salvini alle critiche del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Spadafora per la sua partecipazione all'evento di Verona («Sbaglia ad andare»). Tant'è che, prima di Conte, è proprio lui a finire nel mirino del capo del Viminale: «Spadafora pensi alle adozioni», dice arrivando al Congresso. 

Ma ecco che, prima Di Maio e poi lo stesso Conte, respingono le accuse al mittente: «Salvini legga bene le deleghe: Spadafora non c'entra. Quella sulle adozioni è in capo al ministro Fontana ed al presidente del Consiglio», dice il primo. Poi una nota di Palazzo Chigi precisa ulteriormente: «La delega in materia di adozioni di minori italiani e stranieri è attualmente ed è sempre stata in capo al ministro della Lega Fontana. Il Presidente del Consiglio ha solo mantenuto le funzioni di Presidente della Commissione per le adozioni internazionali. Spetta quindi a Fontana adoperarsi - come chiesto da Salvini - per rendere le adozioni più veloci e dare risposta alle 30.000 famiglie che aspettano». Rimane confermato che bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare nei ministeri tutti i giorni e studiare le cose prima di parlare altrimenti si fa solo confusione».

Vicenda chiusa? Nient'affatto, perché in serata Fontana ha appunto fatto sapere di aver rimesso le deleghe «a causa del fatto che il presidente Conte ha autonomamente indicato i componenti della struttura Cai (Commissione Adozioni Internazionali)». «Questo - aggiungono le fonti del ministero - ha comportato un grave problema nell'attuazione della delega, costringendo il Dipartimento Famiglia a chiedere di spostare alla segreteria generale della Presidenza i capitoli di bilancio delle adozioni internazionali. Si sottolinea inoltre che la presidenza della Commissione Adozioni Internazionali è stata fin dall'inizio in capo al Presidente del Consiglio, che ha scelto di non delegarla».

E infine si apprende, da fonti di Palazzo Chigi, che le deleghe relative alle adozioni nazionali e internazionali sono sempre rimaste in capo al Ministro Fontana. Non c'è mai stata alcuna revoca delle deleghe. La presa di posizione del Dipartimento di Fontana ha provocato una grave situazione di stasi nell'attività della Commissione Adozioni, che si è sbloccata solo grazie alle sollecitazioni giunte proprio dalla Segreteria generale della presidenza del Consiglio.

«L'intervento del Segretario generale ha permesso infatti che si sbloccassero pagamenti per i rimborsi per le spese adottive che le famiglie interessate aspettavano da tempo», sottolineano le stesse fonti.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 30 Marzo 2019, 22:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Adozioni, Salvini attacca Conte: «Faccia di più». Replica: «Responsabile è Fontana». Ma lui: «Ho rimesso la delega»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-03-31 17:07:07
La Lega con questo Congresso ha dimostrato di avere grossi problemi. Viene mostrata chiaramente la faccia più intollerante e pericolosa della destra. Il M5S fa bene a smarcarsi da cotanta ignoranza.
2019-03-31 13:50:35
Mica avevo torto nel commento precedente, insomma: Altra picconata grillina al governo. Dopo le schermaglie di sabato, con gli attacchi di Luigi Di Maio e Giuseppe Conte a Matteo Salvini dopo la sua partecipazione al Congresso mondiale delle famiglie di Verona, ecco l'intervento a gamba tesa di Roberto Fico: "Le famiglie si evolvono, i modelli culturali cambiano. Noi dobbiamo adeguarci", ha premesso il presidente della Camera, espressione dell'ala sinistra del M5s. Dunque, ha annunciato "l'organizzazione di un evento alla Camera dei Deputati sulle famiglie arcobaleno, nelle prossime settimane, entro maggio". Una chiara risposta al Congresso di Verona, quasi una provocazione, considerato il tempismo con cui Fico annuncia l'iniziativa nel corso di un incontro a Parete, in provincia di Caserta. Parole che confermano ancora una volta il cambio di passo dei grillini: travolti dalla Lega e da Salvini, hanno cambiato strategia, facendo nei fatti opposizione al Carroccio. Continuano a tirare la corda, che sembra sempre più sul punto di spezzarsi, con buona pace di un governo sempre più improbabile.e ora tutti in coro... Viva l'ano solare, l'ano bisestile., l'ano parlamentare...
2019-03-31 13:01:58
Non si ferma la Mare Jonio, la Ong dei centri sociali e di Luca Casarin. Dopo il dissequestro da parte della procura di Agrigento e le indagini per favoreggiamento, la nave torna infatti in mare per scandagliare il Mediterraneo alla ricerca di immigrati da portare in Europa. O meglio, in Italia. La comunicazione viaggia su Twitter: "La #MareJonio naviga verso il porto di Marsala da dove, dopo uno scalo tecnico e il cambio equipaggio, sarà pronta a partire per una nuova missione", scrive l'equipaggio della Mediterranea. Soltanto due settimane fa, la nave era stata al centro di un durissimo scontro con il governo e Salvini in particolare dopo aver recuperato in acque sar libiche un gommone alla deriva con 49 immigrati a bordo; dunque avevano fatto rotta verso l'Italia, non verso la Tunisia, l'approdo più vicino e sensato. Dopo lo sbarco dei migranti a Lampedusa, la procura aveva aperto un fascicolo per favoreggiamento e aveva anche sequestrato la nave. Adesso, dopo il dissequestro, Mediterranea Saving Humans torna a sfidare Salvini. INVECE DI PARTIRE VUOTA PERCHE' NON IMBARCA CONTE E I STELLATI FAREBBERO UN FAVORE AL PD E AGLI ITALIANI.
2019-03-31 12:04:25
Quando non si hanno idee sul futuro e capacità politiche lo scaricabarile tra ministri diventa sport nazionale. Mandare a casa questi cialtro-sovranisti impostori (potranno sempre continuare i loro battibecchi al poligono di tiro)!
2019-03-31 11:07:13
Banda di delinquenti ed incapaci ..andate a quel paese.