Pedofilo a Lodi condannato a 19 anni. «Danni devastanti a ragazzine». Pena più alta mai inflitta in Italia

Mercoledì 3 Febbraio 2021 di Mario Landi
Pedofilo a Lodi condannato a 19 anni. «Danni devastanti a ragazzine». Pena più alta mai inflitta in Italia

La sua è una «personalità» estremamente «negativa», «caratterizzata da tratti di malvagità ed assenza di scrupoli», tesa «costantemente» al «soddisfacimento delle proprie pulsioni sessuali» e «priva di qualsivoglia spirito di umanità nei confronti della sofferenza delle ragazzine di cui aveva abusato». Così il Tribunale di Lodi descrive, nelle motivazioni della sentenza depositate oggi, l'uomo di 48 anni condannato lo scorso ottobre a 19 anni di carcere, ossia alla pena più alta in Italia per un pedofilo. Il 48enne, come emerso dalle indagini del procuratore aggiunto di Milano Letizia Mannella e del pm Alessia Menegazzo, per «5 anni» si era finto una ragazzina e si era dato un soprannome "Giulia la malvagia" per poter adescare via WhatsApp e poi abusare di tre minorenni tra gli undici e i tredici anni, di cui era vicino di casa.

Convento degli orrori in Germania: le suore vendevano i bambini ai pedofili

L'arresto del pedofilo nel 2019

Disoccupato e residente nel Lodigiano, era stato arrestato dai carabinieri nel giugno del 2019 con le accuse di violenza sessuale, corruzione di minori, sostituzione di persona e produzione e detenzione di materiale pedopornografico. A far scattare l'inchiesta era stata la foto di una delle vittime che l'uomo aveva pubblicato su Instagram per minacciarle di diffondere le immagini che aveva su di loro se avessero parlato. «Emblematiche», scrivono i giudici (Giuseppe Pighi, Sara Faldini e Ivonne Calderon), erano le «frequenti richieste di aiuto» delle ragazzine «davanti ai supposti malefici» di cui lui le minacciava, prospettando anche «come risposta» altri «nuovi e perversi atti sessuali spacciati come interventi di soccorso».

 

 

 

 

Il cardinale si rifiuta di pubblicare l'elenco dei preti pedofili della sua diocesi, il caso finisce a Roma

Fatti gravissimi

Nel calcolo della pena, si legge nelle motivazioni, i giudici hanno tenuto conto della «altissima gravità dei fatti», che hanno comportato «danni psicologici devastanti», delle «innumerevoli violenze sessuali compiute» e dell'arco temporale di «5 anni» degli abusi. In più, del fatto che l'uomo avesse costruito e mantenuto nel tempo «una storia fittizia», quella del suo nickname e di una serie di «personaggi» tutti «preordinati ad incutere terrore» nelle vittime, attirate in un «mondo parallelo» e la cui volontà veniva «soggiogata».

Germania, una donna guida la commissione sui risarcimenti alle vittime della pedofilia

Nessuna attenuante concessa al pedofilo

La difesa ha tentato di sostenere che le ragazzine fossero consenzienti, mentre i giudici mettono nero su bianco che erano sempre «oggetto di minaccia». Il tribunale non ha concesso all'imputato alcuna attenuante, perché ha agito con «malvagia astuzia», non ha mostrato «segno alcuno di resipiscenza» e non ha mai ammesso nemmeno le «condotte» provate dagli atti delle indagini, anzi ha cercato pure di «riversare le responsabilità in capo alle minori». A pena espiata, tra l'altro, hanno deciso i giudici, il condannato dovrà sottostare pure ad una misura di sicurezza per due anni: dovrà informare le forze dell'ordine sul luogo in cui risiede e non potrà avvicinarsi ai luoghi frequentati da minorenni, come giardini o scuole.

Pedofilia online, scoperto a Teramo l'archivio di un insospettabile disoccupato

Ultimo aggiornamento: 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA