Gennaro Mancini, il maresciallo non è morto di vaiolo delle scimmie. «Ucciso da broncopolmonite, danni multipli agli organi»

La salma del luogotenente è rientrata in Italia sabato e da ieri si trova all’obitorio di Noale: nella carte sanitarie trasmesse dalle autorità cubane non vi è alcun accenno al cosiddetto vaiolo delle scimmie

Lunedì 29 Agosto 2022 di Gianluca Amadori
Gennaro Mancini, il maresciallo non è morto di vaiolo delle scimmie: ucciso da una broncopolmonite

SCORZÈ - «Broncopolmonite da germe sconosciuto e danni multipli agli organi». È quanto scrive il medico legale cubano che ha eseguito l’autopsia sul corpo del comandante della caserma dei carabinieri di Scorzè, Germano Mancini, 50 anni, deceduto lo scorso 21 agosto a L’Avana, dove si era recato in vacanza assieme ad un amico e alla moglie cubana di quest’ultimo. La salma del luogotenente è rientrata in Italia sabato e da ieri si trova all’obitorio di Noale: nella carte sanitarie trasmesse dalle autorità cubane non vi è alcun accenno al cosiddetto vaiolo delle scimmie, nonostante sia stato lo stesso ministero della Sanità dell’Avana ad emettere, subito dopo il decesso di Mancini, un comunicato nel quale la responsabilità della morte veniva addebitata proprio a quel virus. Una mancanza piuttosto singolare. È per questo motivo che la moglie del sottufficiale ha affidato l’incarico allo studio Simonetti nel tentativo di fare chiarezza e di cancellare ogni possibile ombra sulla morte di Mancini.

Mancini ha superato un infarto a Cuba: poi il malore fatale

L’avvocato Guido Simonetti con molte probabilità si recherà già oggi in procura, a Venezia, per chiedere che siano le autorità italiane ad effettuare una nuova autopsia che possa spiegare cosa è effettivamente accaduto. Il legale è anche intenzionato a contattare l’ambasciata italiana a L’Avana per ottenere la cartella clinica completa di Mancini e poter ricostruire dettagliatamente gli ultimi giorni del cinquantenne. Lo stesso amico con cui il carabiniere si era messo in viaggio, ha dichiarato di non aver visto sul corpo del sottufficiale alcuna vescicola o pustola, uno dei sintomi principali del virus.

 

Il fratello del maresciallo Mancini morto a Cuba: «Non sapevamo fosse stato contagiato»

PEGGIORAMENTO IMPROVVISO

Mancini era arrivato a Cuba la sera di Ferragosto e iniziò a non sentirsi molto bene fin dal giorno seguente. Le sue condizioni sono poi peggiorate molto velocemente, tanto che il 18 agosto il cinquantenne viene ricoverato in Rianimazione, per poi finire in coma e morire il 21 agosto. Il Ministero delle autorità sanitarie caraibiche avvisò la Farnesina del decesso del “turista italiano” ordinando un’indagine epidemiologica per capire l’origine del contagio o se il militare fosse già contagiato prima del suo arrivo nell’isola. Il luogotenente abitava a Noale ma era particolarmente legato a Scorzé, dove ha prestato servizio per oltre 17 anni, tanto che la famiglia ha espresso la volontà di tumulare la salma proprio nel cimitero di Scorzè, paese nel quale è nata la moglie. Per i funerali, però, bisognerà aspettare che venga eseguita la nuova autopsia, alla quale i familiari del defunto parteciperanno sicuramente attraverso un medico legale di propria fiducia.

Ultimo aggiornamento: 12:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA