Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il dolore alla spalla, il malore e l'ultimo messaggio: «Mi sento meglio». Claudia D'Amore muore nel sonno a 48 anni

Il dramma di Claudia: stesso destino del padre, deceduto a 47 anni l'11 aprile del 1993

Mercoledì 25 Maggio 2022
Claudia D'amore

Morta nel sonno a causa di un malore. Cordoglio a San Vito al Tagliamento per la scomparsa di Claudia D'Amore: aveva 48 anni ed assisteva, a domicilio, una persona anziana. A trovarla ieri mattina, 24 maggio, esanime nel letto di casa il vicino che, vedendo le persiane ancora abbassate lei che era solita svegliarsi molto presto ha provato a chiamarla al telefono, ma non ha ricevuto risposta. Preoccupato, ha deciso quindi si passare da un terrazzino all'altro e di forzare un infisso. Una volta all'interno della casa, l'ha trovata distesa a letto. Sembrava stesse ancora dormendo, invece la 48enne era morta. Inutili i tentativi di rianimarla del personale sanitario del 118, che con l'ambulanza ha raggiunto via Marconi, che si trova a poche decine di metri di distanza dall'ospedale, dove la donna viveva da sola vicino al bar Bacchero.

Morto per un malore nella sua auto a 37 anni: era lì da almeno un giorno e nessuno se n'era accorto

Lunedì sera un dolore ad una spalla tormentava Claudia D'Amore. Per questo aveva preso un antidolorifico e a mezzanotte aveva inviato un messaggio ad un'amica con la quale si confidava: «Mi sento meglio, non preoccuparti». Claudia si sarebbe addormentata, morendo poco dopo nel sonno a causa di un arresto cardiaco. Lo stesso destino del padre, deceduto a 47 anni l'11 aprile del 1993. «Lo stesso destino - non si dà pace la madre, Domenica Barbaro, insegnante in pensione e a lungo presidente della Filarmonica sanvitese - ha accomunato Claudia e suo papà: avevano soltanto un anno di differenza. A differenza di mio marito, che era riuscito ad arrivare al pronto soccorso, mia figlia si è spenta nel sonno. Si teneva controllata, prendeva regolarmente delle pastiglie per il cuore e nulla, quindi, lasciava presagire una morte improvvisa».

Lorenzo Trevisan trovato morto a letto dalla mamma, aveva 37 anni: dramma a Caorle

L'EMPATIA
La vita di Claudia D'Amore era divisa tra casa, lavoro e amicizie. Aveva svolto numerosi lavori e da qualche tempo, prestando assistenza ad una persona anziana, sembrava aver trovato un'occupazione che la rendeva felice. Era contenta di quello che faceva: aiutare il prossimo eras sempre stato un qualcosa che la faceva sentire bene. Allegra e piena di vitalità, dopo la separazione con il marito, la 48enne aveva ripreso in mano la sua vita. Le amicizie non le mancavano e, come ha ricordato la madre, aveva un grandissimo pregio: socializzava subito. Aveva una fortissima empatia, che le permetteva di entrare immediatamente in sintonia con chi aveva davanti. Anche senza conoscerlo. La mattina si alzava molto presto. Ecco perché ieri al vicino di casa è parso molto strano non vederla di buon'ora. Non era da lei, infatti, tenere le persiane della camera abbassate sino a tardi. Un sospetto fondato, che ha portato a scoprire come Claudia fosse morta nel sonno. In via Marconi sono giunti anche i carabinieri della stazione di San Vito insieme al medico curante della 48enne. Sin da subito è stato escluso il coinvolgimento di terzi.

 

LA PASSIONE
Claudia D'Amore aveva una grande passione per la musica. Era stata una delle prime iscritte, nel 1986, alla nuova banda di San Vito della quale, diversi anni dopo, la madre è diventata presidente. Nel clarinetto era una promessa. Una passione che Claudia ha tramandato al fratello minore, Fabio, che vive in Austria ed è uno dei bassisti di Perchta. L'altra sorella si chiama Francesca. «Una brutta notizia per San Vito - le parole del sindaco Alberto Bernava - che colpisce la nostra comunità. L'amministrazione comunale è vicina alla famiglia e porta tutto il proprio affetto alla mamma, alla sorella e al fratello, persone conosciute e stimate. Conoscevo Claudia D'Amore, una persona solare, stimata e sempre disponibile. Di fronte a questa tragica notizia non ci sono parole».

Malore nell'agriturismo, Tabita trovata morta nella vasca da bagno dopo sette giorni: aveva 53 anni
 

Ultimo aggiornamento: 16:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA