Green pass: superati i 100 milioni. Corsa ai test, file in farmacia: domani prova rientro al lavoro. Aumentano i certificati di malattia

Le previsioni della Cgia di Mestre: domani due milioni di lavoratori resteranno a casa

Domenica 17 Ottobre 2021
Green pass superati i 100 milioni test file farmacia impennata certificati malattia

Sfondato il tetto dei cento milioni di green pass scaricati. L'obbligo della certificazione verde, scattato venerdì scorso per il lavoro pubblico e privato, ha imposto una notevole accelerata, a maggior ragione in vista della ripresa della settimana lavorativa, da domani. Questo lunedì sarà un vero banco di prova dopo il D-Day di venerdì 15 ottobre.

L'impennata dei certificati di malattia

Sono infatti 2,5 milioni i pass emessi tra giovedì e sabato. Di questi, 1,8 milioni derivano da tamponi. E la 'macchina' dei test sarà messa sotto stress in settimana, vista la grande richiesta e la loro breve validità (48 ore). Già oggi code si sono formate davanti all'ingresso di diverse farmacie. Al di là delle proteste ancora in atto, come al porto di Trieste, ci sono timori di un aumento delle defezioni, dopo il +23% di certificati di malattia registrato venerdì scorso rispetto a quello della settimana precedente.

L'ipotesi: in due milioni a casa

La Cgia di Mestre stima in 2 milioni i lavoratori che domani potrebbero rimanere a casa perchè impossibilitati a fare il tampone. Il totale dei pass emessi dalla piattaforma nazionale è salito dunque a 100.595.790. Proprio venerdì il record (867.039, di cui 653.827 da tamponi). Impennata dei test, ma sono in crescita anche le prime somministrazioni di vaccino anti-Covid come segnalano dalla struttura del commissario all'emergenza, generale Francesco Figliuolo.

Col 90% di copertura via il green pass

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga, ha ipotizzato una possibile eliminazione del Green pass entro l'anno «se la campagna raggiunge il 90%». Il consulente del ministro della Salute, Walter Ricciardi, ha aperto ad un'attenuazione dello stato di emergenza: «Ci avviamo per lo meno a una situazione di sicurezza, anche se la pandemia non è finita». Attualmente la copertura vaccinale riguarda 43.847.511 italiani che hanno concluso il ciclo. Si tratta del 74% della popolazione complessiva, l'81,2% della platea vaccinabile, quella degli over 12. Si vedrà nei prossimi giorni se il fastidio di dover fare un tampone ogni due giorni porterà ad un'erosione dello zoccolo duro dei 'no vax': sono ancora 2,8 milioni a non aver ricevuto neanche una dose di vaccino. Mentre sono salite a 581.132 le terze dosi.

Sospeso dal lavoro perché senza green pass, va di corsa a farsi il vaccino

Atac, autisti senza Green pass: ecco le prime sospensioni

Lunghe code davanti alle farmacie

I dati delle ultime 24 ore confermano che attualmente la pandemia è sotto controllo: i nuovi positivi sono stati 2.437 e le vittime 24; il tasso di positività rimane stabile allo 0,6%, mentre continuano a calare i pazienti in terapia intensiva per il Coronavirus: sono 349, con una riduzione di tre unità rispetto al giorno precedente. Mentre aumentano di 16 le persone ricoverate nei reparti ordinari: sono 2.386. In vista della ripresa è corsa ai tamponi, dunque, con le farmacie affollate nel giorno festivo ed anche qualche criticità. A Torino, nel quartiere di San Salvario, è dovuta intervenire una pattuglia della polizia per controllare la lunga coda che si era creata davanti ad una farmacia. Il serpentone di persone, fino a un centinaio, ha creato qualche disagio anche alla viabilità. «Stiamo lavorando senza sosta da stamattina - fanno sapere dall'attività - avevamo un certo numero di prenotazioni», ma molti di più si sono presentati sapendo dell'accesso libero. Nel pomeriggio lunghe code davanti alle farmacie - fino a 400 persone in attesa per quelle che offrono pacchetti scontati per i test - si sono viste anche a Bolzano.

Niente personale, uffici chiusi

Intanto, un'anteprima di quello che potrebbe accadere nei prossimi giorni in alcune realtà si è avuto oggi pomeriggio alla Galleria dell'Accademia di Firenze, rimasta chiusa per mancanza di personale in seguito allo sciopero indetto contro l'obbligo del pass sui luoghi di lavoro. Sul fronte dell'ordine pubblico, dopo gli scontri di ieri a Milano (la polizia sta vagliando la posizione di 40 anarchici, mentre due persone sono state arrestate), è rimasta alta la tensione al porto di Trieste, dove i 'no green pass' hanno annunciato mobilitazioni e presidi ad oltranza. 

Ultimo aggiornamento: 22:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA