Genova, donna uccisa con 30 coltellate nel suo negozio. Arrestato l'ex mentre voleva suicidarsi: ha confessato

Venerdì 19 Febbraio 2021
Genova, donna uccisa in pieno centro con una coltellata

È stato fermato in tarda serata ed ha ammesso l'omicidio l'ex compagno di Clara Ceccarelli, la donna di 69 anni uccisa nel pomeriggio nel suo negozio di pantofole in pieno centro a Genova. L'uomo, Renato Scapusi, 59 anni disoccupato, stava cercando di uccidersi lanciandosi da Mura delle Cappuccine, vicino all'ospedale Galliera. Aveva vagato alcune ore in un'area non distante dal luogo del delitto. Gli agenti delle volanti lo hanno visto e hanno urlato il suo nome. Lui ha risposto «sono io» e non si è più gettato. È stato portato in questura dove ha parlato della aggressione. È emerso che era stato sottoposto a cure psichiatriche. 

Donna accoltellata a Guidonia: i carabinieri fermano il fratello, operaio di 43 anni

La donna stava lavorando nel proprio negozio in via Colombo quando è stata colpita con una trentina di coltellate. La polizia è arrivata sul posto dopo l'allarme di alcuni passanti, che avrebbero anche cercato di fermare l'omicida. La loro relazione era finita un anno fa ma Scapusi aveva continuato a cercarla, a chiamarla. Lei lo aiutava ancora dandogli dei soldi. Lui, che soffriva di ludopatia, li dilapidava. «Si erano lasciati da alcuni mesi. Lui le telefonava sempre, prima le rubava in casa. Gliene aveva fatte tante e lei non poteva più sopportare» ha raccontato la cugina appena arrivata sul luogo del delitto, a pochi passi dalle scintillanti vetrine di via XX Settembre. La donna aveva incontrato la vittima anche oggi: «L'avevo vista - ha continuato la parente - e mi era sembrata tranquilla». Invece, improvvisa, la morte ha raggiunto Clara Ceccarreli sul finire della giornata di lavoro. 

 

Genova, la dinamica

Come sempre, la donna stava riordinando il negozio di pantofole per poi attendere il momento di abbassare le serrande e fare ritorno a casa. Qualcuno è però entrato nella 'Pantofolerià di Clara e l'ha aggredita. Alcuni testimoni hanno riconosciuto l'ex e messo subito sulle tracce dell'uomo gli agenti delle volanti e gli investigatori della mobile, coordinati dal pm Giovanni Arena. La negoziante è stata colpita al collo e all'addome con una furia cieca. L'omicidio è avvenuto in un'ora in cui la zona è molto frequentata dai genovesi per gli ultimi acquisti della giornata. Anche in tempo di Covid via Colombo e le strade circostanti, come via San Vincenzo, attirano negli eleganti negozi molti clienti.​

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 20 Febbraio, 00:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA