Mattarella telefona alla figlia di un medico morto di Covid. Le sue parole sono commoventi

Mercoledì 20 Maggio 2020
Mattarella telefona alla figlia di un medico morto di Covid. Le sue parole sono commoventi
Suo padre, Salvatore Ingiulla, di professione medico, è morto di coronavirus qualche settimana fa, a 61 anni. Sua figlia Elena aveva scritto a Sergio Mattarella sul sito del Quirinale, per raccontare la storia di Salvatore: uno sfogo con le lacrime agli occhi «scritto alle due di notte di venerdì scorso in uno dei tanti momenti di pianto che dal sei aprile vivo quotidianamente». E il Capo dello Stato, mostrando grande umanità, come riporta oggi il Giornale di Brescia.

Leggi anche > Nel Lazio 28 nuovi positivi di cui 16 a Roma. Zero contagi a Rieti e Frosinone

Mattarella l'ha chiamata sul cellulare due volte: la prima volta infatti non aveva avuto risposta e le aveva lasciato un messaggio in segreteria. «Sono Sergio Mattarella, cercavo Elena Ingiulla. Richiamerò», le sue parole. Il papà di Elena, morto per il Covid dopo alcune settimane in ospedale, prestava servizio nelle carceri di Verziano e Canton Mombello: pensava di farcela e sopravvivere, anche quando lo avevano trasferito in terapia intensiva. Disse «non ti preoccupare - ricorda la figlia -, vedrai che ce la faccio».

Leggi anche > Fase 2, è caos movida. Conte: «Non è il tempo di far festa o il contagio risale»

Invece Elena e i gli altri due figli non lo hanno più sentito nè visto. «Sembrerà una cosa strana ma mi sono sfogata scrivendo a Mattarella. Avevo a disposizione 500 caratteri... e ho provato ad esprimere quello che mio padre rappresentava per me: ovvero tutto». Dal Quirinale, dice, è partita una telefonata «carica di affetto: ho sentito una voce sincera, di una persona che ha parlato a cuore aperto. Senza far pesare minimamente il suo ruolo. Mai mi sarei aspettata un gesto così». 

Mattarella, che 40 anni fa perse il fratello Piersanti ucciso dalla mafia, ha detto alla donna di essere rimasto «molto colpito» dalle sue parole «e soprattutto - riferisce Elena - dal passaggio in cui dicevo che mio padre mi aveva insegnato ad amare. Mi ha spiegato che il dolore non se ne va, che resta, ma che io devo trovare la forza di rialzarmi e che devo costruire il mio futuro per onorare la figura di mio papà che stima come uomo per quello che ha fatto. Un messaggio bellissimo che arriva da una persona che sa cosa vuol dire il dolore per averlo provato sulla sua pelle».
© RIPRODUZIONE RISERVATA