Mamma 34enne muore dopo una dose eccessiva di chemioterapia: condannati medici e specializzando

Valeria Lembo morì dopo una dose eccessiva di chemioterapia, era mamma da soli sette mesi

Lunedì 5 Dicembre 2022 di Redazione web
Mamma 34enne muore dopo una dose eccessiva di chemioterapia: condannati medici e specializzando

Valeria Lembo era una giovane mamma di soli 34 anni di Palermo, che purtroppo scoprì di avere un tumore e i dottori le prescrissero la chemioterapia per affrontarlo. In ospedale però, le somministrarono una dose eccessiva di farmaco che la uccise, era il 2011: oggi, 5 dicembre 2022, i medici e lo specializzando sono stati condannati dai
giudici della Corte dei conti d'appello. 

Pelé «non risponde alla chemioterapia»: cure palliative per alleviare i dolori del tumore al colon. Su Instagram scrive: «Solo un controllo»

Soleil Sorge, paura per la mamma: «Il tumore è tornato, ma non mollo. Sogno di diventare nonna»

Capelli fragili e pelle secca, mamma di 27 anni ignora i sintomi: «Sono sempre stata bene». Poi la diagnosi choc

La vicenda

Nel 2011 Valeria Lembo si recò all'ospedale Policlinico di Palermo per sottoporsi alle cure chemioterapiche ma le venne somministrata una dose di farmaco 10 volte superiore a quella prevista dai protocolli sanitari e superiore a quella che avrebbe dovuto assumere. La giovane mamma morì per complicazioni. 

La condanna 

Oggi, a distanza di 11 anni dai fatti, i medici dell'ospedale sono stati condannati dai giudici della Corte dei conti d'appello presieduta da Giuseppe Aloisio. Il primario Sergio Palmeri dovrà risarcire l'azienda sanitaria con 875 mila euro, l'oncologa Laura Di Noto e l'allora specializzando Alberto Bongiovanni dovranno pagare la somma di 318 mila euro ciascuno. Sono invece state assolte le infermiere Elena Demma e Clotilde Guarnaccia

 

Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre, 09:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA