Vigilante accoltellato in metro a Roma, il racconto: «Mi ha assalito all'improvviso, non potevo difendermi»

Venerdì 27 Settembre 2019 di Alessia Marani
3

«Mi ha assalito all'improvviso, a freddo. Non ho avuto nemmeno il tempo di reagire, ho provato a inseguirlo». Così Massimo Petrini, 58 anni, da circa quattro in servizio di vigilanza alla stazione Tiburtina per conto della società dell'Urbe, ha ricostruito quanto accaduto prima di arrivare in ospedale.

Roma: straniero accoltella vigilante, lo disarma e si uccide nella metro B Tiburtina
Vigilante accoltellato in metro, un'infermiera lo ha salvato: «Gli tamponavo la ferita mentre tutti scappavano»

«Non mi sembrava nemmeno una faccia conosciuta», ha raccontato. L'uomo è stato trasportato al pronto soccorso dell'Umberto I e, per precauzione, trasferito nella Rianimazione, ma le sue condizioni vanno migliorando. Non è in pericolo di vita. Se la caverà. Ma ha rischiato di morire. Il Savip, Sindacato autonomo di vigilanza privata, dopo l'episodio di ieri a Tiburtina, è tornato a chiedere maggiori tutele per i vigilantes. «Innanzitutto - afferma il segretario generale, Vincenzo Del Vicario - certi servizi dovrebbero essere svolti da guardie che hanno uno specifico addestramento e particolari dotazioni, come i giubbetti leggeri di protezione. In un luogo come la Stazione Tiburtina, poi, il collega è stato assalito quando si trovava solo. Invece, noi riteniamo che vi debbano essere almeno due operatori, come avviene per le forze di polizia».
 

 
 

 

Ultimo aggiornamento: 13:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci