Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uccide il rivale in amore, poi spara alla ex e infine si toglie la vita: tragedia tra Varese e Canton Ticino

Lunedì 25 Luglio 2022
Uccide il rivale in amore, poi spara alla ex e infine si toglie la vita: tragedia in provincia di Varese
1

Un'altra storia finita nel sangue per l'incapacità di chi non accetta la fine di una relazione. Vittime dell'ennesima follia sono Daniele Morello, 47enne ucciso per strada a colpi di pistola a Cantello (Varese), e il suo killer, di cui ancora non sono note le generalità, morto suicida. In fin di vita in ospedale la compagna di Morello, ex del suo aggressore, a sua volta ferita a colpi di pistola all'ingresso di una Spa a Stabio - in Svizzera -, dove viveva anche il 47enne.

 

Uccide il compagno della ex, spara a lei e si suicida

La casetta gialla tra le colline, la passione per le auto, l'azienda di trasporti e la motrice del camion con il suo nome sopra, fotografata in giardino, il volto bonario, Morello viveva oltre confine. Lì, presumibilmente, ha conosciuto la compagna, 45enne della provincia di Varese. L'ex compagno di lei, 51 anni, non ha accettato questa nuova relazione e oggi ha deciso di agire, pianificando l'uccisione dei due innamorati e poi di se stesso, nel pieno rispetto del suo aberrante 'codice d'onorè: o mia o di nessuno. Così il 51enne ha deciso di seguire Morello, fino a intercettarlo a Cantello, dove gli ha sparato diversi colpi di pistola, lasciandolo cadavere sul selciato, per strada. Il corpo è stato scoperto da un passante. Il 47enne era accanto alla sua auto: al momento non è ancora chiaro se il killer sia riuscito a farlo uscire dall'abitacolo per poi sparargli, o se Morello sia sceso per tentare di chiedere aiuto dopo l'aggressione.

Il suicidio

Mentre carabinieri e soccorritori cercavano di ricostruire l'accaduto, secondo il pubblico ministero svizzero e la Polizia Cantonale, intorno alle 19 lo stesso killer era già rientrato a Stabio, dove ha sparato alla ex che usciva dalle terme, ferendola gravemente, poi ha rivolto l'arma contro di sé e si è sparato. Sul posto è intervenuta un'ambulanza, che ha trasportato la donna in ospedale, in condizioni disperate. Proseguono le indagini congiunte tra polizia svizzera e carabinieri. L'inchiesta italo-svizzera dovrà chiarire, tra l'altro, se da parte del 51enne ci siano state in passato altre minacce alla coppia, se avesse un regolare porto d'armi e se abbia lasciato qualche messaggio prima di togliersi la vita.

Ultimo aggiornamento: 26 Luglio, 14:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci