Gloria ammazzata di botte a 23 anni perché non voleva prostituirsi: condannati la zia e il compagno

PER APPROFONDIRE: gloria pompili, latina
Gloria ammazzata di botte perché non voleva prostituirsi: condannati la zia e il compagno
Ventiquattro anni di carcere ciascuno così come aveva richiesto l’accusa. Questa la condanna della Corte di Assise di Latina nei confronti di Saad Mohamed Elesh Salem e di Loide Del Prete, giudicati colpevoli dell’omicidio di Gloria Pompili, morta a causa delle botte ricevute il 23 agosto 2017 su via dei Monti Lepini. Assolto invece con formula piena Hady Saad Mohamed, compagno della vittima, che era chiamato a rispondere soltanto di maltrattamenti in famiglia.

Ammazzata di botte perché non voleva fare la prostituta: il pm chiede 60 anni di carcere

«Sposati con quell'uomo o farai la fine di Sana», così il padre pachistano minacciava di morte le sue figlie
 


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 11 Ottobre 2019, 19:56






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Gloria ammazzata di botte a 23 anni perché non voleva prostituirsi: condannati la zia e il compagno
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-10-12 13:58:10
24 anni di carcere che poi in realtà saranno meno della metà sono pochi . Gente così non dovrebbe uscire più di galera con buona pace della Corte di Strasburgo.