Uccise la nonna a coltellate, per la perizia psichiatrica è «incapace di intendere e di volere»

PER APPROFONDIRE: coltellate, modena, nonna, omicidio
Uccise la nonna a coltellate, per la perizia psichiatrica è «incapace di intendere e di volere»
È stato giudicato incapace di intendere e di volere Gennadi Rizhok, il 26enne di origini ucraine che il 29 giugno ha ucciso a coltellate la nonna Anna Grishchenko a seguito di una discussione nella loro casa di Serramazzoni, in provincia di Modena. Questo l'esito della perizia psichiatrica alla quale è stato sottoposto il 26enne, discussa nell'incidente probatorio di questa mattina in tribunale a Modena. L'atto istruttorio ha dunque sancito l'impossibilità di processare l'omicida, proprio a fronte della sua incapacità. Gli atti ora sono tornati in mano al pubblico ministero e con ogni probabilità il giovane sarà indirizzato verso una Rems, residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 6 Novembre 2018, 18:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Uccise la nonna a coltellate, per la perizia psichiatrica è «incapace di intendere e di volere»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-11-07 07:18:40
Uno che uccide la nonna a coltellate mi sembra palese che non sia "capace di intendere e di volere" e allora che facciamo lo lasciamo andare?
2018-11-06 20:12:48
Galera o Rems, l'importante è che stia rinchiuso.