«Nessuna prova dello stupro». Liberi i tre ragazzi fermati per la violenza su due ragazze a Como

PER APPROFONDIRE: lago di como, stupro, turiste, violentate
Abusi su due ragazze a Menaggio, scarcerati i tre fermati. «Indizi solo sul quarto giovane»
Il racconto delle ragazze che hanno denunciato di essere state violentate a Menaggio non è convergente, mentre la ricostruzione fornita dagli indagati oltre che convergente è plausibile. Per questo motivo, mancando gravi elementi di prova e il rischio di una fuga, il gip di Como Carlo Cecchetti non ha convalidato il fermo e ha scarcerato i tre giovani fermati nei giorni scorsi per violenza sessuale di gruppo, con l'accusa di avere violentato due turiste di 17 anni, italiane, sulla spiaggia del lido di Menaggio, sul lago di Como. I tre, insieme a un complice, rimangono ovviamente indagati, ma la loro posizione si è alleggerita. L'udienza di convalida di oggi era attesa come primo momento di riscontro delle pesanti accuse piovute su un barman di 22 anni di Chiesa Valmalenco (Sondrio), un albanese di 19 anni e un etiope di 22, tutti al lavoro come stagionali sul lago di Como, dopo la denuncia delle due ragazze minorenni, ospiti con amiche di una struttura vicino a Menaggio. 

LEGGI ANCHE Due turiste 17enni abusate a Como: tre fermi, caccia a un quarto uomo

I tre fin dall'inizio avevano negato ogni addebito, attribuendo gli unici atti non consenzienti - delle molestie sessuali - al quarto indagato, un giovane moldavo nel frattempo scappato dall'Italia e tornato nel suo Paese. Il provvedimento del Giudice per le indagini preliminari ha evidenziato che l'unica fonte di prova a carico degli indagati è costituita dalle dichiarazioni delle persone offese, cioè delle due ragazze, e che le loro dichiarazioni non sono tra loro convergenti. Allo stesso tempo ha evidenziato che gli indagati, in sede di interrogatorio, hanno invece compiutamente ricostruito i fatti con versioni complessivamente concordi e, astrattamente, plausibili. 
 


Da parte sua la Procura di Como, che aveva disposto i fermi eseguiti dai carabinieri, «si riserva di effettuare ulteriori approfondimenti investigativi, evitando allo stesso tempo di fornire ulteriori particolari inerenti un episodio che si ritiene abbia certamente colpito persone accusate e vittime e la relativa indagine - ha scritto in una nota il procuratore Nicola Piacente - pienamente rispettando la decisione assunta dal Giudice per le indagini preliminari (comunque non equiparabile ad una pronuncia di assoluzione, attesa la fase interlocutoria in cui è intervenuta)». Le due ragazze avevano denunciato ai carabinieri di essere state 'agganciatè dai quattro giovani nella notte tra l'otto e nove agosto scorsi, e di essere state portate invece che nel loro alloggio, a pochi chilometri di distanza, nella spiaggia del lido di Menaggio, in quel momento deserta. Una delle due ha denunciato di essere stata violentata dall'italiano e dall'albanese, l'altra di avere subito molestie da parte del moldavo. Marginale rimarrebbe il ruolo del quarto indagato, il giovane etiope, che avrebbe soltanto guidato l'auto.​​
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 3 Settembre 2018, 17:46






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Nessuna prova dello stupro». Liberi i tre ragazzi fermati per la violenza su due ragazze a Como
CONDIVIDI LA NOTIZIA
APPROFONDIMENTI
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-09-03 20:31:31
Se una delle ragazze violentate fosse stata un familiare di qualche magistrato le cose sarebbero andate sicuramente diverse.... cmq le leggi e le pene son state inasprite solo dopo che le BR hanno iniziato a fare attentati a magistrati e politici... aspettiamo
2018-09-03 19:17:24
...Insomma in Italia liberi di fare qualsiasi reato, se mancano i testimoni; con la speranza che se ci fossero dicano la verità: Siamo sicuri? mah! Italia mia Meravigliosa.
2018-09-03 21:20:25
Diciamola diversamente: non è sufficiente accusare qualcuno per essere creduti. Occorrono anche delle prove. Nella fattispecie a quanto ho letto altrove la ricostruzione dei fatti resa dagli accusati era risultata più credibile di quella delle presunte vittime. So che il politicamente corretto recita naturalmente diversamente. Non sono maschilista, ma ho notato che con i chiari di luna attuali qualsiasi ragazza può rovinarti "a priori", perchè l'accusa sua stessa sembra avere valore di prova.
2018-09-03 19:06:10
ma no, le nostre risorse, non ci posso credere
2018-09-04 10:58:17
Forse stava imparando il mestiere dalle altre due risorse "diversamente italiane".