Strage di Latina, la tecnica usata dai medici per dire a mamma Antonietta che le figlie sono morte

Strage di Latina, la tecnica usata daimedici per dire a mamma Antonietta che le figlie sono morte
Come Antonietta Gargiulo ha saputo della morte delle figlie. La mamma di Cisterna di Latina, come spiegato da Barbara D'Urso a Pomeriggio 5,  ha appreso del dramma in ospedale, dopo l'intervento, quando medici, familiari e psicologi insieme le hanno raccontato quello che è successo.

Alessia e Martina, le bimbe di 8 e 13 anni sono state uccise dal papà, il carabiniere Luigi Capasso, dopo che l'uomo ha gravemente ferito la mamma. Antonietta
 
 


Barbara D'Urso legge in studio la modalità in cui è stato comunicato alla donna che le sue figlie non ci sono più. Antonietta è incapace di parlare, l'anestesista le ha spiegato le motivazioni della sua condizione e le ha ricordato l'aggressione subita, motivo per cui è ricoverata. La donna ha battuto le palpebre in segno di approvazione, facendo capire che ricordava l'episodio. In quello stesso momento il fratello e la cognata l'hanno salutata e le hanno detto di essere felici che stia bene e fuori pericolo. A quel punto è intervenuta una delle psicologhe che seguirà Antonietta in questi giorni e le ha detto che Alessia e Martina non ci  sono più: «Antonietta chiude gli occhi per 2 minuti circa e con la mano sinistra stinge il lenzuolo del letto. I medici decidono di sedarla e lasciarla riposare». 



LA TELEFONATA TRA LUIGI E ANTONIETTA In diretta viene riportata anche la registrazione di una telefonata tra Antonietta e Luigi durante la quale la donna dice chiaramente: «Ogni giorno chiedo loro (le figlie) se ti vogliono sentire o ti vogliono vedere, gli dico che le accompagno da te se vogliono che non ho problemi, ma loro non vogliono e mi dicono che non le devo scocciare con la mia insistenza». Luigi replica di volere un rapporto con le figlie e Antonietta dice che è d'accordo con lui che gli riconosce l'importanza della figura paterna, ma aggiunge: «Martina ha paura, non le va, loro devono fare un percorso. Lo so io quanto sono state male, quanto hanno sofferto. Io ora devo pensare alla mia serenità e alla loro».

LA TESTIMONIANZA DELL'AMICA l motivo di tanta paura è raccontato dalla migliore amica di Antonietta, intervistata sempre da Pomeriggio 5, che racconta la brutta aggressione che la Gargiulo ha subito dal marito lo scorso 3 settembre. Il carabiniere ha brutalmente picchiato l'ex moglie davanti alle bambine che hanno assistito alla scena del padre che strapava i capelli alla madre e la lasciava andare con il volto insanguinato. L'amica di Antonietta racconta di aver portato via con sé la donna e le piccole, poco dopo la Gargiulo ha deciso di procedere con la separazione.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 10 Marzo 2018, 10:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Strage di Latina, la tecnica usata dai medici per dire a mamma Antonietta che le figlie sono morte
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-03-12 11:57:21
La gente è morbosa di avere notizie, la barbara fa solo la venditrice di ciò
2018-03-11 15:51:16
Io mi domando come fa quella pettegola della D'Urso ad essere in possesso di certe informazioni che devono restare privatissime. Per non dire anche di essere in possesso di registrazioni telefoniche che non si capisce come possano essere filtrate e venute in possesso di una tv privata. Sono sdegnato.
2018-03-11 07:07:37
"I medici decidono di sedarla e lasciarla riposare" ok... ma se anche la stampa e la televisione decidessero di lasciarla stare, non sarebbe un bel gesto? A meno che l'ospedale non abbia rilasciato un comunicato ufficiale, cosa che non mi pare sia successa, tutto il questo è pura spettacolarizzazione di un momento assolutamente privato. Sorge quindi il dubbio che se Barbara d'Urso ha letto quanto successo in studio, qualcuno presente in quella stanza ha passato l'informazione all'esterno e dubito fortemente che l'abbia fatto con il consenso scritto dei famigliari. Se un infermiere o un medico avesse divulgato gli ultimi intimi istanti tra me e mia madre che era in rianimazione, senza un motivo valido e il mio benestare, non gli avrei poi chiesto come si era permesso di divulgare una cosa così privata a tutta l'italia, ma gli avrei fatto male... molto male! Se invece i famigliari hanno dato il consenso al fatto che si venisse a sapere a livello televisivo e nazionale che "chiude gli occhi per 2 minuti circa e con la mano sinistra stinge il lenzuolo del letto", decisione loro che però non condivido e non comprendo.
2018-03-11 04:18:19
la """tecnica""" usata da questi esperti è stata crudele,,,,,,,non potevano aspettare che si riprendesse un po'?????
2018-03-10 18:26:54
non mi risulta ci sia una tecnica per lenire il dolore di una mamma o un padre per la perdita di un figlio. E ignobile trasmettere gli sms che ci sono stati fra il marito e la moglie senza il consenso degli interessati e in questo caso solo di lei. Solo il magistrato può leggere questi messaggi