Sofia Sacchitelli, chi era la studentessa morta per un tumore al cuore. «Volevo diventare medico, il destino me lo ha impedito». Meloni: grazie per il coraggio

Era consapevole di avere poco tempo da vivere ed ha deciso di dedicare gli ultimi mesi per aiutare gli altri fondando la onlus "Sofia nel cuore"

Martedì 21 Marzo 2023
Sofia Sacchitelli, chi era la studentessa morta per un tumore al cuore. «Volevo diventare medico, il destino me lo ha impedito»

«Ho poco tempo, ma voglio essere utile agli altri. Vorrei che grazie alla ricerca si possa individuare qualcosa di specifico sulla patologia dell'angiosarcoma cardiaco, qualcosa che possa essere usato come obiettivo da colpire per future terapie». Così parlava poche settimane fa Sofia Sacchitelli, morta la scorsa notte a 23 anni per una malattia rara che le era stata diagnosticata un anno fa. Era consapevole di avere poco tempo da vivere ed ha deciso di dedicare gli ultimi mesi per aiutare gli altri fondando la onlus "Sofia nel cuore", con un mix di altruismo e fiducia nella ricerca scientifica che le è valso anche un premio da parte della Università di Genova, dove studiava.

Meloni: «Grazie per il tuo esempio coraggioso»

«"Ho poco tempo, ma voglio essere utile agli altri".

Ci ha lasciati Sofia Sacchitelli, studentessa 23enne colpita da un tumore rarissimo e diventata simbolo della lotta alle malattie rare grazie al suo prezioso impegno in prima persona. Solo pochi giorni fa aveva ricevuto, da parte dell'Università di Genova, la medaglia d'oro al merito. Un pensiero sentito a tutti i suoi cari. L'Italia ti ringrazia per il tuo coraggio e per il tuo esempio. Buon viaggio Sofia», ha scritto la premier Giorgia Meloni su Facebook.

Chi era Sofia Sacchitelli

Studentessa al quinto anno della facoltà di Medicina, Sofia scoprì il male quasi per caso. Sul finire della pandemia fu colpita da tosse, febbre e vomito insistenti che la spinsero a fare un tampone, risultato negativo. Quindi altre analisi fino alla diagnosi definitiva: l'affliggeva un angiosarcoma cardiaco, un tumore al cuore tanto raro, con 2-3 casi ogni milione di persone, quanto aggressivo.

Aveva capito subito che le sue possibilità di sopravvivenza erano quasi nulle: «Il destino purtroppo mi ha impedito di realizzare tutti i progetti che avevo in mente - spiegava nelle poche uscite pubbliche e nelle interviste - Volevo diventare medico, sposarmi, avere dei bambini, passare dei momenti con le persone che amo, andare a vedere la Samp con mio papà e mia sorella, viaggiare, accudire i miei genitori da anziani e invecchiare».

Prima della fine Sofia ha deciso di sfidare la malattia fondando la onlus e mettendosi in gioco in prima persona. Ha promosso la campagna in un incontro pubblico di cui avevano parlato i media, poi attraverso interviste a tv, quotidiani e riviste. Con l'aggravarsi delle sue condizioni di salute parenti e amici l'hanno sostituita in diversi eventi pubblici.

 

I riconoscimenti

La sorella Ilaria ha ritirato la medaglia d'oro al merito conferita per la prima volta dall'Università di Genova a una studentessa proprio per il suo impegno nella raccolta di fondi per il sostegno alla ricerca. La Regione Liguria l'ha inserita tra le "donne pioniere" esempio da seguire durante le celebrazioni dello scorso 8 marzo. La Onlus "Sofia nel cuore", sostenuta anche da Genoa e Sampdoria, ha già raccolto 100mila euro e sta già organizzando il primo progetto di ricerca con l'associazione Italian Sarcoma Group perché, come evidenziato da un'amica di famiglia e componente della onlus, «l'obiettivo è proseguire le strada indicata da Sofia». Oggi l'anno ricordata in tanti, anche dal presidente ligure Toti e sindaco Bucci.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci