Serena Mollicone, i pm: «Fu uccisa nella caserma dei carabinieri, 5 a processo»

Serena Mollicone, i pm: «Fu uccisa nella caserma dei carabinieri, 5 a processo»
Sarebbe stata spinta contro una porta all'interno della caserma dei carabinieri di Arce. Morì così 18 anni fa Serena Mollicone, la studentessa uccisa il primo giugno del 2001 nel suo paese, nel Frusinate. Con questa convinzione, suffragata da anni di indagini e perizie, la Procura di Cassino ha chiesto il rinvio a giudizio per cinque indagati, ovvero tutti i membri della famiglia di Franco Mottola, ex comandante della stazione dei carabinieri di Arce, e due altri militari. Rischiano così il processo l'ex maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, la moglie Anna e il figlio Marco e il maresciallo Vincenzo Quatrale per concorso in omicidio. 

LEGGI ANCHE Serena Mollicone, il brigadiere suicida e il mistero della lettera e della rosa rossa

Per Quatrale, anche lui carabiniere, si ipotizza pure l'istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi, mentre per l'appuntato Francesco Suprano, militare dell'Arma, solo il reato di favoreggiamento. Secondo un'informativa dei carabinieri del comando provinciale di Frosinone, redatta sulla scorta di accertamenti del Ris e acquisita già nel febbraio scorso dalla Procura di Cassino, Serena fu uccisa, presumibilmente dopo un litigio, negli alloggi della caserma dei carabinieri di Arce. A colpirla sarebbe stato il figlio di Mottola, Marco. La ricostruzione del delitto tratteggiata dalla perizia medico-legale indicò una compatibilità tra lo sfondamento della porta dell'alloggio della caserma dei carabinieri di Arce e la frattura cranica riportata dalla studentessa diciottenne.

Omicidio di Serena Mollicone, il criminologo: «La porta non è l'arma del delitto»

«E stata uccisa nella caserma di Arce, con una spinta contro una porta, data la riscontrata perfetta compatibilità tra le lesioni riportate dalla vittima e la rottura di una porta collocata in caserma - spiega il procuratore di Cassino, Luciano d'Emmanuele - È stata parimenti accertata la perfetta compatibilità tra i microframmenti rinvenuti sul nastro adesivo che avvolgeva il capo della vittima ed il legno della porta, così come con il coperchio di una caldaia della caserma». La perizia del Ris, contenuta nell'informativa che segnò una svolta nelle indagini, rilevò che dopo essere stata uccisa il corpo di Serena fu spostato nel vicino boschetto dell'Anitrella dove poi fu trovato con mani e piedi legati dal nastro adesivo e una busta di plastica in testa. 

 

Serena Mollicone, giallo sul corpo riesumato: «Spariti alcuni organi»

Durante le nuove indagini gli inquirenti hanno ascoltato 118 testi, molti dei quali ponderatamente scelti tra i 1.137 più volte sentiti nei diciotto anni di ricerca della verità per il delitto di Arce. La Procura di Cassino ha effettuato rogatorie in Francia, Polonia e nello Stato del Vaticano. «Si ritiene - fa sapere il procuratore di Cassino, Luciano d'Emmanuele - che le prove scientifiche, insieme alle prove dichiarative, consentano di sostenere con fiducia l'accusa in giudizio». La vicenda giudiziaria dell'omicidio della diciottenne Serena è stata lunga, tortuosa e segnata da episodi anche inquietanti. 



Due anni dopo il delitto fu arrestato con le accuse di omicidio e occultamento di cadavere Carmine Belli, un carrozziere poi prosciolto nel 2006 da ogni accusa dalla Cassazione. Ad aggiungere mistero ad un caso intricato anche il suicidio del carabiniere Santino Tuzi che nel 2008, prima di essere ascoltato dai magistrati, si uccise sparandosi nella sua auto forse per il timore di raccontare l'inquietante verità e la presunta catena di pressioni e depistaggi che gravitavano attorno alla morte della studentessa scomparsa il primo giugno del 2001 e poi trovata morta due giorni dopo. 

L'omicidio di Serena e il suicidio di Santino: due morti per un unico giallo

Tra le ipotesi anche quella che Serena quel giorno andò nella caserma dei carabinieri per denunciare alcuni traffici, forse legati alla droga. Poi la lite e la tragedia. Da quel giorno sono passati 18 lunghissimi anni nei quali il padre di Serena ha più volte chiesto verità. Diciotto anni di indagini e, ora sembrano dire gli accertamenti, anche di depistaggi. Poi la svolta con la perizia del Ris. Ora in cinque, e tra loro tre carabinieri, rischiano il processo. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 30 Luglio 2019, 13:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Serena Mollicone, i pm: «Fu uccisa nella caserma dei carabinieri, 5 a processo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2019-07-31 13:22:40
Omissione di quattro carabinieri? Tutti presenti ed omertosi? Per quale motivo se la morte sarebbe avvenuta accidentalmente per una spinta e nessuno dei carabinieri sarebbe stato incolpato? Pura fantascienza della ricerca dell'uomo nero e dei misteri irrisolti..
2019-07-31 10:44:35
Si cominciano a nutrire gli stessi interrogativi su arruolamento, addestramento ,aggiornamento..inogni settore di addetti ed armati.A partire da Vigili , Guardie portavalori ecc.
2019-07-30 19:45:18
dopo 18 anni si processano, ce ne vorranno altrettanti per i 3 gradi di giudizio, arriverà prima la giustizia divina
2019-07-30 16:05:58
non so cosa verrà fuori dal processo...c'è però da dire che sarebbe ora di metterci in testa che una divisa non fà l'uomo...una divisa, di qualsiasi tipo, non dice che sei buono o cattivo a priori...l'uomo è e resta responsabile dei prorpi gesti e delle proprie decisioni...a processo ci va l'uomo non la divisa o la "categoria lavorativa" a cui appartiene.
2019-07-30 19:21:51
Chi ha deciso di "arruolare" e chi "controlla" questi uomini incarna una categoria lavorativa che si vanta del potere delle armi e della divisa. Il tuo mi pare un commento piuttosto approssimativo.