Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Stermina la famiglia e poi si uccide:
«Soffriva per il figlio disabile»

Sabato 9 Agosto 2014
Stermina la famiglia e poi si uccide: «Soffriva per il figlio disabile»
1
Tragedia familiare a San Fele, nel Potentino, dove un uomo ha ucciso moglie e due figli e poi si è tolto la vita.



Le vittime Il fatto è avvenuto stamani nell'abitazione di famiglia, in località Difesa, alla periferia del paese. L'uomo, che aveva 65 anni, ha ucciso moglie e figli con una pistola che è stata trovata dai carabinieri. La moglie aveva 57 anni. I figli, uno dei quali disabile, avevano 32 e 27 anni.



Il figlio disabile Poprio la sofferenza legata alle condizioni di disabilità di uno dei figli sarebbe all'origine del triplice omicidio e del suicidio. L'uomo - che viveva in Toscana da circa un anno e da qualche giorno era tornato in Basilicata - pare non sopportasse più la sofferenza causatagli dalle condizioni di uno dei figli.



Il piccolo Comune San Fele è un comune di 3.085 abitanti situato nella parte nord-occidentale della Basilicata, tra il Monte Castello e il Monte Torretta e fa parte della Comunità Montana del Vulture.
Ultimo aggiornamento: 10 Agosto, 13:13

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci