Roma, «la mia ragazza sta male», chiama il 112 ma lei muore. Lui l'aveva picchiata

Mercoledì 26 Gennaio 2022
Roma, «la mia ragazza sta male», chiama il 112 ma lei muore. Lui l'aveva picchiata

L'aveva picchiata, come succedeva spesso. Ma stavolta lei si era sentita più male del solito e aveva avuto una crisi respiratoria. Preso dal panico lui ha chiamato il 112: «Correte, la mia fidanzata sta male». Ma quando i sanitari sono arrivati nell'appartamento in zona San Paolo, non hanno potuto far altro che constatarne la morte. Non un malore. Sul corpo della donna c'erano chiari segni di violenze: i medici del 112 allora hanno contattato la polizia di Stato a causa di quei evidenti segni di ecchimosi presenti sul corpo della vittima.

Vista la necessità di approfondimenti, sono intervenuti gli investigatori della IV sezione squadra mobile, specializzati nel contrasto ai reati di violenza di genere, insieme agli operatori dell'XI distretto di San Paolo e della polizia scientifica. Intervenuto sul posto anche il Pubblico ministero della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma che ha disposto l'invio, su quella che appariva da subito come una scena del crimine, dei medici legali. 

Roma, litiga con la ragazza e si arrampica sul balcone per far pace, scambiato per ladro precipita dal terzo piano: è gravissimo

La scoperta delle violenze

All'esito di una prima analisi sul corpo, l'uomo è stato arrestato dai poliziotti, in flagranza, per il delitto di maltrattamenti contro familiari e conviventi. A suo carico sono emersi gravi indizi di reato in ordine a violenze fisiche e psicologiche che andavano avanti da mesi nei confronti della compagna, attraverso percosse e isolamento sociale. I rilievi preliminari hanno stabilito che alcune delle lesioni sul corpo della donna erano state inflitte anche poco prima dell'arrivo dei sanitari. Il Gip del Tribunale di Roma, all'esito dell'udienza di convalida, ha confermato il provvedimento restrittivo e disposto la misura cautelare del carcere, come da richiesta del Pm. 

Il dramma dentro casa

«Violenze fisiche e psicologiche sulla compagna. Botte che l'hanno portata alla morte. E, come se non bastasse, il tentativo di mascherare un femminicidio con un malore. Quanto accaduto a San Paolo è gravissimo e solo grazie alla prontezza dei soccorritori che hanno avvisato le forze dell'ordine l'uomo è stato arrestato». Lo dichiara in una nota l'assessora alle Pari opportunità di Roma, Monica Lucarelli. «Il mio pensiero va a quella donna, morta senza aver potuto chiedere aiuto - aggiunge -. Il 90 per cento delle violenze si sviluppa tra le mura domestiche e per questo dobbiamo concentrare i nostri sforzi per alzare il livello di guardia e sensibilizzare le donne per farsi aiutare. Il nostro impegno è quello di collaborare con la Questura e le Procure per supportare al massimo tutte le azioni di contrasto alla violenza di genere. Ringrazio i poliziotti e la procura - conclude l'assessora - per aver risolto un caso che poteva passare impunito». 

 

 

Ultimo aggiornamento: 27 Gennaio, 08:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci