Assalto in villa a Lanuvio, proprietari picchiati dai rapinatori davanti ai figli piccoli e ai nonni

PER APPROFONDIRE: lanuvio, rapina, rapinatori, villa
Assalto in villa a Lanuvio, proprietari picchiati e rapinati

di Ermanno Amedei

In piena notte assaltano una villa a Lanuvio e picchiano i proprietari per farsi consegnare soldi e oggetti preziosi.
Sono stati momenti di terrore quelli vissuti da una famiglia nella tarda serata di lunedì quando, poco prima della mezzanotte, si sono ritrovati in balìa di quattro rapinatori armati di pistola e con il volto coperto da passamontagna.


Rapina in villa a Canepina, ladri sorpresi in casa tirano fuori le armi
​Milano, colpo in villa: famiglia con bimba e vicini bloccano rapinatore

Nella casa, in via Montegiove, c’erano una coppia di coniugi, la loro figlia di pochi anni e gli anziani suoceri. Dopo la richiesta dei soldi, i malviventi hanno subito fatto capire di essere determinati schiaffeggiando il padre della bambina e il suocero i quali, anche per evitare che le donne e la piccola potessero rimanere ferite, ha consegnato tutto il contante che aveva a disposizione: alcune migliaia di euro con cui i malviventi sono fuggiti.
Immediatamente dopo la fuga dei rapinatori, le vittime hanno chiamato i carabinieri ma all’arrivo dei militari i malviventi si erano dileguati. Della banda si sa poco se non che parlavano un italiano con inflessioni straniere ma si sa anche che questo è anche uno stratagemma spesso usato per depistare le indagini.
Del caso si stanno occupando i carabinieri del Nucleo operativo di Velletri e i loro colleghi della stazione di Lanuvio.   
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 11 Settembre 2019, 09:05






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Assalto in villa a Lanuvio, proprietari picchiati dai rapinatori davanti ai figli piccoli e ai nonni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 17 commenti presenti
2019-09-11 18:27:58
Velletri, cittadina del Lazio. I predoni stanno scendendo lo stivale, come Annibale. Ma al contrario del condottiero di Cartagine in Veneto e Lombardia hanno preso qualche batosta, che anche se ripagata profumatamente agli eredi, ha evidentemente fatto da deterrente. Non sai mai che in piena notte ti trovi davanti la canna di un fucile da caccia in mano a uno xenofobo razzista leghista che non vede l'ora di poterlo usare legalmente, meglio andare al sud. Sì, molto meglio, andate, andate, prego.
2019-09-11 18:06:01
Speriamo che li rintraccino, così il pd può portargli solidarietà.
2019-09-11 15:37:43
tranquilli .... ora cancellano ogni decreto sicurezza ... cosi potrete agire indisturbati ....
2019-09-11 13:29:51
Adesso che sgovernano i loro protettori....
2019-09-11 12:47:33
forse Rumeni o Moldavi che parlavano "Italiano" come gli Albanesi-Kosovari (per "spaventare" di piu')