Avezzano, 16enne stuprata dal branco a dicembre: arrestati due marocchini. Un altro ricercato

Sedicenne stuprata dal branco a dicembre, arrestati due marocchini: ricercato un terzo

di Manlio Biancone

Sono tre marocchini, tutti regolari, maggiorenni, i presunti autori dello stupro della ragazza 16enne, italiana, avvenuto a dicembre del scorso anno in un vicolo di un paese a pochi chilometri da Avezzano. Il drammatico episodio, emerso solo ora dal riserbo delle indagini, verrà ricostruito a giorni, davanti al Gip del Tribunale di Avezzano, durante un incidente probatorio. Due gli indagati (il terzo sembrerebbe irreperibile) per violenza sessuale. Sono A.C., 26 anni, difeso dall’avvocato Francesco Olivieri, e A.M., 24 anni, assistito dagli avvocati Luca e Pasquale Motta. Gli stranieri conoscevano la ragazza e sembra che la frequentassero anche da qualche mese. Decisivo è stato il racconto della minorenne prima al padre e alla madre e poi ai militari che hanno raccolto una dettagliata denuncia. Dopo la segnalazione al magistrato inquirente sono state attivate subito le indagini e sono stati rintracciati i due extracomunitari. Il terzo giovane invece sembra che sia riuscito a far perdere le tracce.

Dopo lunghe e complesse indagini i militari hanno ricostruito la violenza sessuale. L’aggressione sarebbe avvenuta di sera in un vicolo isolato del centro marsicano, in una zona dove non passava nessuno. Mentre uno del gruppo avrebbe costretto al rapporto sessuale la minore, gli altri due avrebbero fatto da palo per controllare che nessuno arrivasse. Nella richiesta della Procura al Gip si legge: «Il gruppo costringeva la minore a seguirli in un vicolo con una scusa e A.C. la spogliava e la costringeva ad un rapporto sessuale». Al termine del rapporto il gruppo le avrebbe intimato: «Non dire nulla del rapporto sessuale altrimenti ti faremo del male». Lei, sconvolta, li avrebbe anche rassicurati dicendo che non avrebbe detto nulla. Secondo il magistrato i due avevano «pianificato la violenza» nei minimi dettagli. Un’azione che lascia pensare che gli indagati non fossero nuovi a questo tipo di reato. Tutt’altra la versione dei marocchini indagati per violenza. Hanno raccontato che già altre volte uno di loro aveva avuto rapporti sessuali con la minore e si frequentavano. Ora tutta la brutta vicenda verrà ricostruita durante l’incidente probatorio alla presenza del Gip del Tribunale e di una psicologa. Il racconto della ragazza sarà determinante per cristallizzare gli avvenimenti e per il riconoscimento degli extracomunitari indagati per violenza sessuale e minacce.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 6 Settembre 2018, 09:55






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Avezzano, 16enne stuprata dal branco a dicembre: arrestati due marocchini. Un altro ricercato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2018-09-06 15:38:36
Risorse in azione: Ha puntato il disabile in carrozzina e ha pensato al colpo facile. Lo ha sorpreso nel cortile dello stabile in cui abita, in via Balsamo Crivelli a Roma. Gli ha bloccato le mani e dal marsupio gli ha sfilato 70 euro in contanti e il telefono cellulare. Quindi, se l'è data a gambe. Protagonista della rapina più vigliacca che si possa immaginare è un cittadino libico di 50 anni, regolare in Italia ma con alle spalle una sfilza di precedenti penali. Dopo aver messo a segno il "colpo", il nordafricano se l'è data a gambe. La vittima, però, tutt'altro che arrendevole, s'è messa a urlare avvertendo gli altri inquilini dello stabile, che hanno chiamato la polizia. La schifezza umana è stata rintracciata pochi minuti dopo in un giardinetto pubblico, sicuro di averla fatta franca. Aveva già tolto la batteria al telefonino per non essere rintracciato. Quando ha visto gli agenti ha cercato di fuggire in tutti i modi e, una volta infilato nella volante ammanettato, ha dato i numeri prendendo a testate i finestrini e danneggiando gli interni della vettura a calci. Per questo, oltre che per rapina è stato denunciato per minacce gravi, resistenza e danneggiamento di beni dello Stato. Uno così sarebbe davvero meglio rispedirlo al suo Paese. Dove se facesse una roba del genere, probabilmente gli taglierebbero le mani. E magari anche qualcos'altro (ammesso che le abbia).
2018-09-06 13:49:47
possono farlo e lo fanno
2018-09-06 12:44:08
Finalmente un titolo giusto. "Branco" è un termine adatto alla razza... animale.
2018-09-06 12:05:46
tre marocchini, entrambi regolari!!! Forse due dei tre?
2018-09-06 11:44:09
...Fontamara....non sembra cambiato poi molto