Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Kronsbein, chi era il milionario morto sullo yacht a Porto Cervo. I soccorsi arrivati dalla barca di Berlusconi

Era un caro amico di Richard Hammond, presentatore televisivo del celebre programma inglese "Top Gear"

Martedì 2 Agosto 2022
Porto Cervo, Dean Kronsbein, chi era l'imprenditore che ha perso la vita dopo il tragico incidente con lo yacht

Si chiamava Dean Kronsbein, 63 anni, l'uomo che ha perso la vita nella baia di Porto Cervo dopo che il suo yacht è tragicamente andato a sbattere contro gli scogli. A bordo con lui c'erano la moglie Sabine, 59 anni, e la figlia di 27 anni, rimaste gravemente ferite. L'armatore inglese del motor yacht «Amore», è morto di arresto cardiaco dopo aver impattato sugli scogli nel tratto di mare davanti al Pevero, in Costa Smeralda. In seguito all'urto è stato sbalzato in acqua dalla sua barca e soccorso da un'imbarcazione battente bandiera maltese, che si trovava nelle immediate vicinanze. Con il coordinamento della Guardia costiera di Olbia è stato trasportato fino allo scalo di Porto Cervo, dove il personale del 118 ha cercato di rianimarlo, ma inutilmente.

Porto Cervo, barca finisce sugli scogli: un morto e 6 persone ferite, due in gravissime condizioni

Chi era Dean Kronsbein

Dean Kronsbein era molto conosciuto in Inghilterra per essere l'amministratore delegato di Ultrafilter GmbH (con sede a Ross on Wye), uno dei più grandi produttori di sistemi di ventilazione medica, oltre che di mascherine anti-Covid, di tutto il Regno Unito. L'imprenditore era estremamente popolare in Inghilterra anche per via dell'amicizia che da anni lo legava a Richard Hammond, il conduttore della versione britannica del format televisivo sulle automobili "Top Gear"Kronsbein era da poco stato citato su un articolo del Financial Times che raccontava di come i multimilionari stranieri stessero ritornando nelle acque di Porto Cervo dopo due estati di pandemia. 

L'imprenditore era nato nel sobborgo di GrimsbyLincolnshire, dove ha vissuto fino all'età di 17 anni. In un intervista riportata dal Mirror, Dean Kronsbein parlava delle sue origini e della sua famiglia: 

«Non avevamo molto e ho iniziato a lavorare in una fattoria locale raccogliendo patate durante le vacanze scolastiche per guadagnare soldi extra», raccontava «in quei giorni, ci era permesso portare a casa tutte le patate che volevamo per le nostre famiglie, così ho subito colto l'opportunità di creare un servizio di consegna a domicilio per le casalinghe locali, prendendo ordini per diversi tipi di patate prima di consegnarle porta a porta, su una bici che avevo comprato proprio per andare a lavorare in fattoria. Non ho mai dimenticato quanto fossero difficili quei tempi e, quando sono tornato nel Regno Unito con la mia famiglia nel 2017, volevo restituire qualcosa». 

Settimana corta e stesso stipendio: via all'esperimento nel Regno Unito

Kronsbien era proprietario di un'immensa mansione chiamata Cubberley House dal valore di 5 milioni di sterline, nelle campagne di Ross on Wye nella contea di Herefordshire. Ma anche un filantropo, aveva infatti donato all'associazione "Grimsby Live" 100.000 mascherine per la gente del posto, un gesto di solidarietà facente parte della campagna "Great British Mask Giveaway".

Principe Carlo e i soldi di Bin Laden (dopo quelli del Qatar): il nuovo scandalo che imbarazza la Regina

Le indagini 

Sono due le persone iscritte sul registro degli indagati dalla Procura di Tempio Pausania per la morte del manager tedesco con passaporto britannico, Dean Kronsbein, deceduto domenica notte dopo che il suo yacht Amore di 21 metri si è schiantato sugli scogli nel golfo del Pevero, in Costa Smeralda. Si tratta dei comandanti dell'Amore e della Sweet Dragon, l'imbarcazione di proprietà della famiglia Berlusconi che, insieme a un'altra barca battente bandiera maltese, ha prestato soccorso a Kronsbein e alle altre sei persone che si trovavano a bordo dell'Amore. Le ipotesi di reato contestate sono omicidio colposo e lesioni.

Ultimo aggiornamento: 3 Agosto, 06:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci