Carabiniere e vigilante investiti e uccisi a Pomigliano

PER APPROFONDIRE: napoli, pomigliano, uccisi, vigilante
Carabiniere e vigilante investiti e uccisi a Pomigliano
Un carabiniere e una guardia giurata travolti e uccisi da un'auto, nel Napoletano, mentre erano in corso i rilievi per fare luce su un banalissimo sinistro tra due vetture. È il grave bilancio di un incidente stradale avvenuto ieri sera, intorno alle 23, nei pressi dell'uscita di Pomigliano d'Arco della strada statale «7 bis», in cui sono rimasti feriti altri tre militari dell'Arma, uno dei quali è ora ricoverato in ospedale in pericolo di vita.
 
 

Tutto è successo dopo un primo lieve incidente tra una Opel Zafira e una Hyundai Atos: la prima vettura delle forze dell'ordine ad arrivare sul posto è una pattuglia dei carabinieri di Castello di Cisterna, raggiunta poco dopo da una «gazzella» dei militari di Nola. Iniziano gli accertamenti e, quando stanno per concludersi, sopraggiunge, ad altissima velocità, una Volkswagen Golf, guidata da un 26enne, Carmine Sannino, che travolge l'appuntato scelto Vincenzo Ottaviano, 40 anni (li aveva festeggiati quattro giorni fa e la moglie gli aveva regalato un'auto), sposato con un figlio, in servizio a Castello di Cisterna, il conducente di una delle vetture coinvolte nel primo incidente, la guardia giurata Gennaro Benigno, di 50 anni, originaria dell'Avellinese, e un altro carabiniere, il vice brigadiere Attilio Picoco, 46 anni, in servizio a Nola.



La guardia giurata muore sul colpo; l'appuntato scelto, invece, muore nell'ospedale Cardarelli di Napoli, per le ferite riportate; il vice brigadiere riesce a sopravvivere, ma le sue condizioni sono critiche. È ora ricoverato nell'ospedale San Giovanni Bosco e si teme per la sua vita. L'incidente stradale ha coinvolto anche gli altri due carabinieri che sono riusciti a salvarsi grazie alla loro prontezza di riflessi: hanno evitato l'impatto lanciandosi tra le sterpaglie ai bordi della strada. Per loro, solo lievi ferite. Carmine Sannino, il 26enne alla guida della Golf, è stato denunciato per omicidio stradale e la sua auto sequestrata. Il giovane è risultato negativo all'alcoltest e al narcotest. Non si esclude la distrazione come causa dell'incidente in quanto la velocità era molto sostenuta, oltre i 100 chilometri orari. L'attività investigativa, coordinata dal pm Martina Salvati della Procura di Nola, è stata affidata alla Polizia Stradale di Nola. Gli agenti a terra hanno trovato i segni di una frenata lunga oltre 20 metri. Il tratto di strada è scarsamente illuminato e la segnaletica orizzontale è poco visibile a causa della fitta vegetazione.

Profondo cordoglio è stato espresso dai rappresentanti delle istituzioni. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha inviato un messaggio al comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, generale di corpo armata, Giovanni Nistri. «Ho appreso con profonda tristezza la notizia del decesso dell'Appuntato Scelto Vincenzo Ottaviano, investito da un automezzo in provincia di Napoli mentre, in attività di servizio, effettuava dei rilievi per un incidente. In questa dolorosa circostanza desidero esprimere a lei, signor Comandante Generale, ed all'Arma dei Carabinieri la mia solidale vicinanza. La prego di far pervenire ai familiari le espressioni della mia commossa partecipazione al loro cordoglio e al Vice Brigadiere Attilio Picoco, rimasto ferito, gli auguri di pronto ristabilimento». Messaggi anche dai ministri dell'Interno, Matteo Salvini, e della Difesa, Elisabetta Trenta, dai vertici dell'Arma e dal Capo della Polizia, Gabrielli.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 21 Luglio 2018, 10:11






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Carabiniere e vigilante investiti e uccisi a Pomigliano
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-07-22 08:07:05
Se non si decidono a fare una legge come si deve su chi usa il cellulare/smartphone mentre guida, di questi incidenti se ne verificheranno sempre di piu'!!!! togliere la patente a vita a chi viene pizzicato con il tel. in mano mentre guida....... servira' questo per eliminare il problema!!!!!
2018-07-21 20:02:09
dove sono quelli del sud che ridanciavano l'altro giorno quando è successo qui da noi? comunque mi chiedo cosa ci faceva tutta quella gente, carabinieri, polizia e vigilante, per un lieve incidente. se succede da noi vengono solo se ci sono feriti e magari dopo molto tempo visto che a volte una sola pattuglia deve coprire una provincia. almeno così ti dicono.
2018-07-22 10:47:03
Il Firestone, ha detto la sua. Augh Io, invece porgo le miei condoglianze a chi ha perso un caro.
2018-07-22 14:28:58
troppo facile cavarsela con le condoglianze. sono fatti che non devono più succedere e chi ha sbagliato va stigmatizzato anche se ci ha lasciato la pelle.