Paolo Massari, due anni per stupro all'ex assessore e giornalista tv. Alla vittima 30mila euro di risarcimento

Martedì 27 Ottobre 2020
Paolo Massari, due anni per stupro all'ex assessore e giornalista tv. Alla vittima 30mila euro di risarcimento
1

Violentò una sua amica imprenditrice, in passato sua compagna di scuola: Paolo Massari, ex assessore del Comune di Milano e giornalista Mediaset, ha patteggiato stamattina 2 anni di carcere (pena sospesa) e altrettanti di trattamento terapeutico come prevede il cosiddetto 'Codice Rosso'. Massari fu assessore a Milano all'epoca della giunta guidata da Letizia Moratti.

 

Il giornalista di Mediaset, ora sospeso in via cautelare dall'azienda e dall'Albo, a suo tempo arrestato, è in libertà. Ad accogliere la richiesta di patteggiamento con contestuale risarcimento di 30 mila euro alla vittima è stato il gup Tiziana Gueli. Massari, che fin da subito ha accettato di sottoporsi a un percorso terapeutico, ha ammesso i fatti e ha chiesto scusa alla donna che aveva aggredito nel garage del palazzo dove vive. 

 

 

La pena a due anni, patteggiata oggi, da Massari a cui si aggiungono altri due anni di trattamento «è adeguata al fatto concreto - ha spiegato il procuratore aggiunto Maria Letizia Mannella, responsabile del dipartimento fasce deboli - e anche al comportamento processuale dell'imputato che è stato corretto». Immediatamente dopo l'aggressione, Massari ha intrapreso un percorso terapeutico mirato, con colloqui cadenzati con un psicologo, che ha finalità di sostegno e recupero come previsto dal pacchetto contro la violenza sulle donne dell'anno scorso. E inoltre ha ammesso gli addebiti e ha chiesto scusa.

 

COSA ACCADDE Stando alle indagini il 13 giugno scorso, sabato sera, Massari si era dato appuntamento con l'amica. Lei aveva bisogno di aiuto e consigli per via del delicato momento professionale che stava attraversando a causa dell'epidemia da Coronavirus: era preoccupata di non riprendersi più. I due dopo un aperitivo in locale della movida vicino a Porta Venezia decisero di andare a cena. A quel punto, secondo la ricostruzione di inquirenti e investigatori, lui propose a lei di lasciare lo scooter nel suo box per poi recarsi al ristorante.

 

Una volta arrivati nel garage, dal quale si accede direttamente al loft del giornalista, lui avrebbe cambiato registro trasformando la serata in un incubo. Dopo l' aggressione e la violenza l'imprenditrice, in un momento di calo di tensione, riuscì a scappare e in mezzo alla strada disperata e praticamente senza abiti, attorno alle 22, venne soccorsa dalle Volanti. Subito la denuncia e l'arresto del giornalista.

 

Inoltre, altre donne, almeno sette, nei mesi scorsi hanno raccontato al pm milanese Alessia Menegazzo, che ha svolto approfondimenti di indagine, di essere state vittime delle violenze da parte di Massari, ma nessuna ha sporto formalmente denuncia. Come non avevano sporto denuncia la funzionaria del Consolato Norvegese e una impiegata che nel 2010 inviarono una lettera per raccontare quanto avevano subito all'allora sindaco Letizia Moratti, la quale rimosse l'ex assessore dal suo incarico sebbene lui sostenesse di non essere «un molestatore sessuale».

Ultimo aggiornamento: 16:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA