Palermo, neonato muore in ospedale dopo l'intervento: il padre picchia quattro medici

PER APPROFONDIRE: aggressione, neonato, palermo
Il figlio neonato muore in ospedale, il padre picchia quattro medici
Il padre di un neonato ha picchiato quattro medici dopo la morte del suo bimbo, operato subito dopo la nascita a causa di una grave forma di tumore all'ospedale pediatrico Di Cristina di Palermo . Uno dei medici aggrediti ha riportato un trauma cranico.

Il direttore generale annuncia che l'Arnas Civico-Di Cristina «si costituirà parte civile per chiedere giustizia e tolleranza zero nei confronti di chi risponde con la violenza ingiustificata al quotidiano impegno di competenza e sacrificio dei nostri professionisti in difesa dei bambini». «L'escalation di aggressioni ai medici e agli operatori degli ospedali non è più una questione di singoli e sporadici casi, ma sta assumendo sempre più i contorni di un fenomeno che non è più tollerabile, perché oltre a minacciare il lavoro di tanti professionisti, rischia di inficiare il diritto alla salute di tutti». 

«Al tempo stesso - conclude Migliore - promuoveremo la nascita di un comitato metropolitano per la sicurezza negli ospedali e nei luoghi di cura e l'avvio di una campagna di sensibilizzazione per educare al rispetto delle strutture sanitarie e dei professionisti che svolgono la loro opera al servizio del malato. I medici - anche grazie a poche mele marce e a molti studi legali che spesso speculano sulla sofferenza - negli ultimi anni sono diventati un bersaglio fin troppo facile. E anche questo messaggio, alla fine, incentiva comportamenti violenti e tensioni che minano la serenità di tutti»
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 8 Aprile 2018, 12:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Palermo, neonato muore in ospedale dopo l'intervento: il padre picchia quattro medici
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-04-08 15:56:22
Siamo sempre li. Ultimamente I quotidiani riportano quotidianamente casi di errori nella Sanita' oppure articoli sui docent delle scuole. Non sono affatto contrario al diritto dei giornalisti di riportare le notizie ma mi preoccupa semmai che vada a crescere di giorno in giorno una opinione negativa nella PA. Rimango dell'idea che molti addetti della PA sono brave persone e mi piacerebbe che nel vostro gornale e non solo venisse riportato un trafiletto che lo ricordi . Solo questo. Non e' giusto che l'impegno di molte persone sia oscurato da casi
2018-04-08 14:16:26
D'altro canto se i "media" per ogni decesso "non atteso" parlano solo di MALASANITA' e' inevitabile che se qualcosa va storto la colpa sia dei medici. Un tempo questi avevano un obbligo di "prestazione" (lavorare in scienza e coscienza ottenendo dei risultati "compatibili" con i mezzi disponibili). Adesso c'e' l'OBBLIGO di risultato. Se qualcosa va storto DEVE essere COLPA di qualche medico (o infermiere). Ovviamente di quelli che lavorano sul campo. Gli innumerevoli direttori (e relativi mandanti politici) che tagliano personale, posti letto e attrezzature NON corrono alcun rischio di essere aggrediti. italia
2018-04-08 13:45:23
siete voi sinistroidi che avete distrutto il Paese anche sotto l'aspetto sociale....schifosi