Cremona, padre marocchino picchia a sangue la figlia 16enne: era troppo occidentale

Lunedì 17 Settembre 2018
18
Ha picchiato a sangue la figlia di 16 anni perché era troppo occidentale. Quando i carabinieri sono intervenuti nella sua casa di Solesina, in provincia di Cremona, la sedicenne era appena stata picchiata dal padre, un operaio marocchino di 58 anni. Una sorta di padre padrone, dicono ora i militari, presumibilmente poco incline a lasciare che la figlia, che si era integrata nella comunità, assumesse atteggiamenti contrari alla propria tradizione e alla propria cultura, cominciando dall'abbigliamento per continuare con la frequentazione di amicizie esterne alla cerchia dell'uomo.

Quando sono arrivati, i carabinieri hanno trovato la ragazza con ecchimosi sul volto e sulla fronte. La sedicenne ha raccontato di essere stata sbattuta contro il muro e ora la posizione del padre, che è stato denunciato, è al vaglio degli inquirenti.
Ultimo aggiornamento: 09:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA