Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omar Nava morto a Tenerife dopo un tuffo in mare, travolto da un'onda anomala: aveva 35 anni, era di Seregno

Gli amici hanno lanciato una raccolta fondi per aiutare i famigliari a riportare la salma del figlio in Italia

Giovedì 1 Settembre 2022
Omar Nava morto a Tenerife dopo un tuffo in mare: aveva 35 anni, era di Seregno

Sulla bacheca Facebook di Omar Nava, 35 anni di Seregno, continuano ad arrivare ricordi, messaggi, addii. Sono amici e conoscenti, ancora increduli di come sia morto il ragazzo (hanno aperto anche una sottoscrizione per aiutare la famiglia di Omar, si trova sul sito Gofundme). Omar è stato travolto da un'onda anomala nelle acque di Tenerife. Aveva deciso di andare in vacanza alle Canarie dopo un anno di lavoro. Un tuffo in mare e Omar non è più riemerso. Il suo corpo senza vita è stato ritrovato dopo tre giorni di ricerche, mentre sull'isola sono arrivati i suoi famigliari per il riconoscimento della salma.

Il tuffo mortale è avvenuto a Playa Almaciga nel pomeriggio di martedì 23 agosto. Questa spiaggia è famosa e frequentata da chi ama le acque selvagge e il surf. Si trova a nord-est dell'isola. In un sito di surfisti è descritta così: «La spiaggia si trova nel punto in cui le scogliere si tuffano nel mare e le potenti onde si infrangono contro le formazioni rocciose di Roques de Anaga». «Occorre prestare attenzione alle onde, che in genere sono piuttosto forti durante tutto l'anno. Questo la rende ideale per il surf. Infatti, diverse scuole di surf dell'isola vengono ad allenarsi qui».

Omar era residente a Giussano (Monza Brianza), frequentava con passione la palestra, amava le auto sportive ed era un grande amico degli animali, i cani in particolare, e poi si dilettava a cucinare. Insomma «un ragazzo pieno di vita, pieno di amici. È stata una morte repentina, imprevista e imprevedibile, che ci lascia sgomenti» sono le parole del sindaco di Seregno, Alberto Rossi.

Le spese di trasporto della salma e la raccolta fondi lanciata dagli amici di Omar

 «I fondi saranno devoluti interamente a Renato e Luca, padre e fratello di Omar, per sostenere le onerose spese di trasporto del nostro amico da Tenerife all’Italia, le spese funerarie e per le altre iniziative in memoria di Omar», si legge nel messaggio che promuove la colletta online organizzata dagli amici di Omar. L'obiettivo era reperire 10mila euro e sono stati già raccolti 12.320 euro. 

Ultimo aggiornamento: 16:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci