Neonato e genitori sfiorati dai pallini di piombo: cacciatore spara a pochi passi da ristorante. Come difendersi

PER APPROFONDIRE: cacciatore, neonato, pallini, piombo
Neonato e genitori sfiorati dai pallini di piombo: cacciatore spara a pochi passi da un ristorante
Di nuovo un atto di imprudenza di un cacciatore, di nuovo una fucilata nelle vicinanze di un edificio con i pallini che sfiorano le persone. Il suono di uno sparo nei pressi di un ristorante, e subito dopo pallini da caccia vaganti che finiscono su uno dei tavoli, proprio dove stava pranzando una famiglia con un bimbo di pochi mesi. È accaduto ieri, intorno alle 15, nel locale La Bottega di Morello, sul Monte Morello nel comune di Sesto Fiorentino (Firenze).

LEGGI ANCHE: Rieti, cacciatore in area privata: litigio e rinvio a giudizio

LEGGI ANCHE: 

Nei pressi della struttura la polizia, che indaga sull'episodio, ha trovato un fagiano ferito. L'ipotesi degli investigatori è che a esplodere il colpo sia stato un cacciatore impegnato in una battuta, che si sarebbe avvicinato troppo all'abitato. I pallini finiti proverrebbero da un'unica cartuccia, che non è stata trovata, e sono passati da una finestra aperta finendo sul tavolo dopo stava pranzando una famiglia, con un bimbo piccolo, insieme ad alcuni parenti e amici, tutti rimasti illesi. Il padre del bambino, spaventato per quanto avvenuto, ha chiesto l'intervento della polizia.

Accertamenti sono in corso per risalire al cacciatore responsabile di aver sparato, che rischia una denuncia per il reato di esplosioni pericolose e una multa per aver sparato nei pressi dell'abitato.

I consigli dell'Associazione vittime della caccia
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 17 Settembre 2018, 19:37






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Neonato e genitori sfiorati dai pallini di piombo: cacciatore spara a pochi passi da ristorante. Come difendersi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2018-09-18 13:44:24
La caccia è ormai anacronistica, una volta poteva esserci l scusante che era difficile procurarsi cibo, ma ora non ne vedo lo scopo. Farei un'eccezione unicamente per le speci in esubero, ma va regolamentata in maniera molto precisa. A questo punto basta far pagare una tassa molto alta e si riesce a selezionare anche fra i cacciatori. Gli sfizi si pagano, non mi sembra che lo stato si faccia prendere da pentimenti se si tratta di alzare il costo delle sigarette. Ovviamente uno prima d'imbracciare un fucile deve superare dei test attitudinali di alto livello.
2018-09-18 11:34:51
La caccia è un reato.
2018-09-18 09:59:46
i pallini sono di piombo, il piombo e' un metallo pesante e pure tossico , quindi sulla lista dei reati aggiungete pure l'inquinamento .
2018-09-18 09:57:42
non è un'imprudenza del cacciatore ma un reato bello e buono. sparare in verso abitazioni è sempre un'imprudenza, ma sotto le distanze di legge è attentato all'incolumità pubblica!