Napoli, arrestati tre minorenni: bastonarono a morte la guardia giurata alla metro

PER APPROFONDIRE: arrestati, guardia giurata, minori, napoli
Arrestati tre minori: ecco le belve
che hanno bastonato a morte
la guardia giurata Le immagini
La Polizia, oordinata dalla Procura della Repubblica dei Minori, ha eseguito un decreto di fermo di tre minorenni, accusati di tentata rapina e omicidio doloso nei confronti della guardia giurata Francesco Della Corte, per l'aggressione avvenuta il 3 marzo scorso. I giovani, due 16enni e un 17enne, sono tutti incensurati e non frequentano nessun istituto scolastico. Gli agenti del Commissariato di Polizia di Scampia, nella notte del 3 marzo, erano intervenuti in via Ferrovia Piedimonte D'Alife, nei pressi della stazione metropolitana di Piscinola, dove avevano notato una vettura dell'Istituto di vigilanza privata Security service e un uomo, successivamente identificato in Della Corte Francesco, inginocchiato in prossimità della portiera e con il viso insanguinato per una evidente ferita alla testa. Secondo quanto accertato dagli investigatori, la vittima era stata selvaggiamente picchiata mentre era intenta a richiudere il cancello della stazione, dopo aver ultimato il suo giro di perlustrazione.
 
 

Il vigilante era stato immediatamente trasportato all'ospedale Cardarelli e sottoposto a un intervento al cervello. Dopo l'operazione, l'uomo, posto in stato di coma farmacologico in sala rianimazione, è deceduto nella nottata di ieri. Nei pressi del luogo dell'aggressione gli agenti avevano rinvenuto un piede di tavolo in legno e la borsa della guardia giurata, nascosti in un cassonetto per la raccolta differenziata del vetro.

LEGGI ANCHE: Morta la guardia giurata aggredita nella stazione della metro

Le successive attività di indagine, svolte ininterrottamente dal personale del Commissariato di Scampia, hanno consentito di riuscire in tempi rapidi a identificare i responsabili della feroce aggressione.

 

Attraverso l'analisi dei video acquisiti e registrati dalle telecamere di sorveglianza e grazie alle captazioni elettroniche e agli interrogatori di alcuni sospettati, è stato accertato che i tre minorenni avevano atteso l'arrivo della guardia giurata presso la stazione metropolitana di Piscinola allo scopo di impossessarsi dell'arma in sua dotazione. Armati di due piedi di un tavolo di legno trovati sulla strada e sorprendendo il vigilante alle spalle, avevano cominciato a colpirlo violentemente al capo, lasciandolo quasi esamine a terra. I tre non sono riusciti a impossessarsi della pistola, che l'uomo teneva in una tasca della giacca. I tre indagati sono stati sottoposti a provvedimento di fermo e portati all'Istituto di rieducazione di Nisida, dopo aver confessato i fatti. I dettagli dell'operazione saranno forniti nel corso di un incontro che si terrà alle ore 11 in Questura.

I tre minorenni volevano impossessarsi della sua pistola per venderla e ricavarne 5-600 euro. Lo ha confermato il dirigente del commissariato di Scampia, Bruno Mandato. Uno dei tre ragazzi, tutti del posto, aveva fumato qualche spinello prima di entrare in azione. Fondamentale, per l'individuazione dei responsabili, è stato l'acume investigativo di poliziotti, abituati a indagare negli ambienti della criminalità organizzata: dalle immagini dei sistemi di videosorveglianza, non particolarmente nitide, è stata isolata la singolare andatura di uno dei tre ragazzi, riguardante la movenza del braccio sinistro. Poi con l'agente di quartiere è stato possibile rintracciare il soggetto e, quindi, anche i suoi complici.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 17 Marzo 2018, 08:15






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Napoli, arrestati tre minorenni: bastonarono a morte la guardia giurata alla metro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 39 commenti presenti
2018-03-19 11:26:23
enricosecondo, sei anche esquimese, non lo sapevo, complimenti
2018-03-18 20:10:41
Ma cosa c'entra la geografia in un atto così vigliacco.........io sono in Veneto....e certo che non mi sembra che la mala del Brenta venga dal Sud.......e di morti e torture ne hanno fatti tanti.........i reati che riguardano l'omicidio volontario.......siano minori siano maggiorenni......le condanne devono essere le stesse, senza prendere in considerazione l'età......anche perché per i familiari della VITTIMA, sempre il dolore di un morto portano dentro.....quindi se meritano l'ergastolo, che sia.....sempre bestie sono.......
2018-03-19 10:59:16
Tu sei veneto come io esquimese. Ancora con sta Mala del Brenta voi che avete inventato ed espirtato la mafia in Italia e in tutto il mondo.
2018-03-19 15:45:07
Tu sembri veneto...
2018-03-17 21:18:19
Io conoscevo un vigilante notturno che in servizio oltre alla pistola di ordinanza, portata sempre nella fondina al fianco ma mai col colpo in canna, teneva poi pure in tasca una pistola tascabile, questa però col colpo in canna, in modo che se fosse stato assalito e sottratto della pistola di ordinanza, aveva sempre un'altra arma a sua disposizione pronta.