Marco Carta e il furto alla Rinascente, lacrime in tv: «Difficile dimostrare che non sono un pazzo»

PER APPROFONDIRE: furto, marco carta
Marco Carta: «Difficile provare che non sono pazzo»
«E' difficile quando sei in un manicomio cercare di dimostrare che non sei pazzo», Marco Carta  ha scelto la tv per raccontare la sua verità sull’accusa di furto di sei magliette del valore di 1.200 euro rubate alla Rinascente di Milano. Seduto nel salotto di Live non è la D'Urso trattiene a stento le lacrime. «Ero con un’amica che conosco da tempo. Io avevo una busta con delle cose pagate, con regolare scontrino. All’uscita gli addetti alla sicurezza ci hanno fermato e abbiamo dovuto seguirli. Poi ho visto che toglievano delle magliette dalla borsa della mia amica: ero sconcertato, allibito, per me non era possibile. Le ho detto: "Ma che hai fatto?". Alla fine ci hanno separato, siamo saliti su due macchine della polizia e ci hanno portato in cella».

«Io continuavo a ripetermi sei una brava persona, non sono un ladro che è la cosa più brutta di questo mondo».  Il cantante ha voluto ribadire di essere estraneo ai fatti anche se ad accusare il cantante c’è un responsabile della sicurezza che era in servizio alla Rinascente e che ha messo a verbale di aver visto Carta entrare nel camerino e la donna passargli una maglietta alla volta e, alla fine, la borsa. Poi i due sono entrati nella toilette (dove sono stati trovati i sigilli antifurto tolti alle t-shirt) e quindi si sono diretti verso l’uscita. Le barriere antifurto hanno suonato perché le avevano un antitaccheggio più morbido e nascosto.
 


Dopo qualche ora in cella («mi sentivo un animale in gabbia») il giudice aveva deciso di non convalidare l’arresto per il vincitore di Sanremo 2009, ma il cantante dovrà comunque comparire il 20 settembre in tribunale per difendersi dall’accusa di furto aggravato. «Ho scelto di non essere rinviato a giudizio, ho scelto la direttissima - continua Carta -  Non sono preoccupato per quello che accadrà. Il mio errore è stato aprire i social e leggere cose molto pesanti, che mi hanno fatto male». Sul web il cantante è stato fortemente criticato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 6 Giugno 2019, 08:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Marco Carta e il furto alla Rinascente, lacrime in tv: «Difficile dimostrare che non sono un pazzo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-06-07 11:08:04
Avevi avuto la fortuna nella vita. Gli hai sputato in faccia. Ora chissà se ti toccherà lavorare come le persone normali spaccandoti la schiena per tirare avanti.
2019-06-06 16:05:57
Può dire di essere innocente ma se ci sono le prove.... come si dice: Carta canta!
2019-06-06 21:42:25
maglietta canta!
2019-06-06 14:53:58
Parlare male o bene non importa, basta che se ne parli...cosi' torno sui giornali...
2019-06-06 13:27:29
Ma chi ti crede!!!!!