Vaccini, bimba di due mesi muore nel sonno a Torino dopo esavalente

Mercoledì 25 Maggio 2016
4
Una bimba di due mesi, figlia di una coppia di rifugiati di origine nigeriana ospite di una comunità a Lemie, nel Torinese, stamattina è stata trovata morta nella sua culla. I carabinieri, intervenuti sul posto, hanno rilevato che il decesso è avvenuto per cause apparentemente naturali. Potrebbe dunque trattarsi di Sids, la sindrome di morte improvvisa del lattante che in Italia uccide circa 300 neonati l'anno. La piccola ieri era stata sottoposta a vaccinazione esavalente e non sembrava aver accusato alcun malessere. Per dare una spiegazione si attende l'esito dell'autopsia disposta dalla procura di Ivrea. Il fascicolo è stato affidato al pm Giuseppe Drammis. 

L'Asl To4 ha sostituito, in via precauzionale, tutti i lotti del vaccino esavalente del tipo a cui era stata sottoposta la bimba. «Le vaccinazioni - ha dichiarato il direttore sanitario Giovanni Lavalle - non subiscono alcuna sospensione e sono effettuate secondo i calendari programmati». La bambina - fa sapere l'Asl - era nata pretermine. «Siamo particolarmente colpiti dal dramma che ha interessato la famiglia della piccola - ha dichiarato il direttore generale dell'ASL TO4, dottor Lorenzo Ardissone - anche perchè di fronte alla morte improvvisa di un bimbo non si può che rimanere attoniti e profondamente addolorati. Siamo comunque in collegamento diretto con la Procura della Repubblica e stiamo predisponendo la documentazione clinica utile a chiarire quanto accaduto». Nella giornata di ieri - spiega l'Asl - la piccola era stata vaccinata con l'esavalente (vaccino contro difterite, epatite B, infezioni da Haemophilus Influenzae tipo B, pertosse, poliomielite e tetano) più il vaccino anti-Rotavirus.


«Il fascicolo è di atti relativi al decesso in quanto al momento non è accertata alcuna responsabilità. Dopo l'autopsia si faranno le valutazioni del caso». Così il procuratore di Ivrea, Giuseppe Ferrando, in merito alla vicenda della bimba nigeriana di due mesi morta a Lemie. «Non ci sono sequestri di vaccino da parte della procura - precisa Ferrando - ma solo un ritiro a scopo cautelativo dei lotti di vaccino da parte dell'Asl To4». Ultimo aggiornamento: 27 Maggio, 08:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA