«Amore, mandami le tue foto hard»: molesta 13enne amica della figlia del suo capo

PER APPROFONDIRE: foto, hard, lanciano, nuda, ragazzina
«Amore, mandami le tue foto hard»: molesta 13enne amica della figlia del suo capo
La Procura di Lanciano ha firmato firmare la chiusura dell'indagine contro S.M., 36 anni, accusato di molestie sessuale. L’uomo avrebbe messo in atto in un mese condotte idonee e dirette in modo non equivoco a compiere atti sessuali con una ragazza di 13 anni, amica della figlia del suo datore di lavoro. Proprio sul posto di lavoro in un’azienda artigianale l’uomo ha conosciuto la sua preda visto che andava spesso a giocare e far visita all’amichetta. Sta di fatto che l’imputato con la confidenza ottenuta riesce ad avere il suo numero di cellulare e inizia ad intrattenere conversazioni con la ragazzina tramite WhatsApp.

La prof incinta dell'allievo di 14 anni alle amiche: «Visto come somiglia al ragazzino?»

Si parte con le lusinghe, poi la chiama “amore mio” per carpirne la fiducia, finchè non inizia a chiederle insistentemente di inviargli foto che la ritraevano nuda o in vesti succinte, fino a ottenere dei fotogrammi. L’uomo non si accontenta e in modo osceno le invia pure le sue nudità, commentando in modo ardito se sapeva cosa avviene tra un maschio e una donna. Quindi altre frasi irripetibili oltre all’invito ripetuto per incontrare la minore con lo scopo di compiere e consumare atti sessuali.

L’intera vicenda è confinata nel periodo dal 17 febbraio al 2 marzo 2018. Qui entra in gioco la madre attenta e premurosa che controllando il telefono della figlia scopre il turpe pensiero dell’uomo e le sue bramose velleità pedofile. Genitore che così gli sventa ogni brutale aspettativa denunciandolo ai carabinieri. Evento, appunto, che non si è verificato per cause indipendenti dalla sua volontà. L’uomo, difeso dallo studio legale Cerella di Vasto, ha ora venti giorni per presentare memorie difensive, poi si passa davanti al gip per la richiesta di rinvio a giudizio avanzata dalla procura di Lanciano. Genitori anch’essi parti offese, di cui una patrocinata dall’avvocato Rinaldo Berghella.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 17 Marzo 2019, 09:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
«Amore, mandami le tue foto hard»: molesta 13enne amica della figlia del suo capo
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-03-17 19:24:22
Questo va messo in condizione di non nuocere almeno per qualche anno, anche se non e' riuscito nel suo intento.
2019-03-17 11:22:35
....hanno creato una gioventu' senza freni inibitori,senza anticorpi,senza esempi validi....molte volte i genitori NON anticipano certe situazioni pericolose....arrivano quando i buoi sono scappati dalla stalla e forse il messaggio negativo e' gia'lanciato....!