Ferrara, uccise il compagno, condannata a 16 anni: dopo due anni torna a lavorare

PER APPROFONDIRE: lara mazzoni, mirko barioni
Uccise il compagno, condannata a 16 anni: dopo due anni torna a lavorare
Dal 23 ottobre Lara Mazzoni, condannata in primo grado a 16 anni ridotti a 12 in appello per l'omicidio del compagno, Mirko Barioni, avvenuto a giugno 2017 ad Ambrogio, nel Ferrarese, è tornata a essere una donna quasi libera, con obbligo di dimora a Copparo e il divieto di uscire di casa dalle 22 alle 6 del mattino. Lo ha stabilito la Corte d'Assise d'Appello di Bologna, come riporta la stampa locale, accogliendo la richiesta dei difensori Fabio Anselmo e Rita Gavioli, grazie a un'offerta di impiego per la donna. Mazzoni, 47 anni, operatrice sociosanitaria, lavorerà ora in una struttura per anziani del Ferrarese.

Femminicidi, la beffa dei risarcimenti alle famiglie: «La vita di una donna vale poco più di 7mila euro»

Fino a due giorni fa era ai domiciliari in attesa del pronunciamento della Cassazione. La Corte d'Appello, riporta la Nuova Ferrara, ha concesso il percorso di reinserimento e ha dato alla donna il permesso di uscire dai 'confinì copparesi solo ed esclusivamente per prestare servizio nella struttura che ha dato la disponibilità a impiegarla. Un centro, quest'ultimo, che ha un programma aziendale di recupero di persone con precedenti penali. Il procedimento penale a carico di Lara Mazzoni non è concluso. In questi giorni, scrive la Nuova Ferrara, i difensori hanno depositato in Cassazione il ricorso contro la sentenza d'Appello che ha condannato la donna a 12 anni per omicidio volontario, riconoscendo le attenuanti generiche e il dolo eventuale. Ovvero secondo i giudici avrebbe preso l'arma senza intenzione di uccidere pur nella consapevolezza del rischio che stava correndo. Sul percorso di recupero della donna pende dunque la sentenza definitiva.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 26 Ottobre 2019, 11:03






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ferrara, uccise il compagno, condannata a 16 anni: dopo due anni torna a lavorare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 23 commenti presenti
2019-10-28 05:58:12
non ho letto aricolo ma credo che in certe circostanze omicidio vada punito blandamente...CERTE circostanze!
2019-10-27 14:00:58
Siamo il paese del bengodi.
2019-10-27 04:23:49
per una volta i giudici hanno preso in considerazione le vessazioni ,le violenze e le umiliazioni che questa donna subiva…..di solito lasciano molto a desiderare
2019-10-26 22:31:53
Che paese pagano il nostro. Ora sappiamo che possiamo uccidere ed evitare il carcere. Grazie Italia.
2019-10-26 21:45:17
Noto che a Ferrara e provincia si può uccidere liberamente; oltre a questa indecenza giudiziaria, ricordo che c'è una mamma che ha messo in freezer per vari giorni il figlio appena partorito e non ha fatto un minuto in carcere, anzi passeggia beatamente con il cane.