Brescia, esplosione in uno studio dentistico: grave dentista e assistente. Ferita anche una 14enne

Il medico ha riportato ustioni di secondo e terzo grado al volto, collo, torace, addome e braccia ed è stato ricoverato in codice rosso

Martedì 19 Ottobre 2021
Brescia, esplosione in uno studio dentistico: grave dentista e assistente
1

Una forte esplosione si è verificata verso le 17 in uno studio dentistico a Ospitaletto (n via Giuseppe Zanardelli), un piccolo comune della provincia di Brescia in LombardiaSulla poltrona del dentista in quel momento c'era una ragazzina di 14 anni. È l'unica ad essere stata di fatto solo in parte raggiunta dall'esplosione. La giovanissima paziente ha riportato leggere lesioni essendosi riuscita ad allontanare in tempo ed è sotto choc. Ad avere la peggio un odontoiatra di 44 anni, specializzato in ortodonzia, collaboratore dello studio, che ha subito ustioni di 2/o e 3/o grado al volto, collo, torace, addome e arti superiori.

Albano Laziale, incendio in una chiesa ortodossa. Evacuate alcune abitazioni vicine

Il becco di Bunsen è un bruciatore a gas usato in chimica

 

Esplosione a Brescia, lo choc

 

Oltre il 50 per cento del corpo risulta ustionato. Le fiamme del becco bunsen - utilizzato per scaldare gli strumenti - hanno intaccato il camice monouso Tnt introdotto con l'emergenza Covid, che ha preso fuoco attaccandosi alla parte superiore del corpo del dentista. L'odontoiatra è stato trasportato in codice rosso agli Spesali civili di Brescia e sarà trasferito in un centro grandi ustionati. Ferita con ustioni di 2/o grado a volto e torace anche l'assistente alla poltrona di 40 anni.

«Non conosciamo ancora i dettagli della vicenda che ha visto coinvolti i due operatori. Resta da capire il ruolo giocato nell'aggravare l'incidente dal camice monouso in polimero plastico indossato, introdotto per la pandemia da Covid-19», spiega Gianmario Fusardi, presidente dell'Albo degli odontoiatri di Brescia. «Fermo restando che fortunatamente nessun paziente sembra aver riportato lesioni, esprimo ai sanitari coinvolti e alle loro famiglie la massima solidarietà e vicinanza e - aggiunge Fusardi - mi assicurerò in particolare che tutti gli strumenti di assistenza previsti dal nostro ordinamento possano essere attivati per dare loro pronto sollievo»

Ultimo aggiornamento: 20 Ottobre, 11:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA