Cuneo, madre e figlio trovati morti nel laboratorio della panetteria: avvelenati da monossido di carbonio

Domenica 11 Luglio 2021
Cuneo, madre e figlio trovati morti nel laboratorio della panetteria: avvelenati da monossido di carbonio
1

Sono morti insieme, madre e figlio, avvelenati dal monossido di carbonio che poco per volta ha saturato il laboratorio della loro panetteria. Ernesta Boglio, 79 anni, e il figlio Bruno Manuello, di 47, stavano lavorando come tutte le mattine, domenica compresa, nel negozio di Torre Mondovì, nel Cuneese, a preparare il pane. Non si sono accorti che qualcosa non funzionava in un forno a gas - è questa la causa più probabile della tragedia -.

 

 

Il gas nei locali della panetteria

 

 

Poco alla volta il monossido di carbonio ha impregnato i locali, stordendo madre e figlio fino ad avvelenarli. Quando i soccorritori sono arrivati era troppo tardi: Ernesta Boglio era appoggiata a una sedia, già morta, il figlio poco lontano, dava ancora qualche debole segnale di vita ma i tentativi del 118 di rianimarlo sono risultati inutili.

 

L'allarme

 

A dare l'allarme, poco dopo le 8:30 di questa mattina, è stata una parente che aiutava le vittime nell'attività commerciale. Ha trovato il negozio chiuso e ha dato l'allarme. Sul posto sono arrivate le ambulanze, i carabinieri, i Vigili del fuoco, ma il dramma si era già consumato.

Al negozio si è precipitato anche il sindaco, Gianrenzo Taravello che ricorda come la panetteria fosse stata aperta dal marito e padre delle vittime, morto qualche anno fa. Un negozio che vende pane ma anche tanti altri generi alimentari, come è tipico dei piccoli paesi. Torre Mondovì non ha neppure 500 abitanti, è un comune collinare ai bordi delle Langhe Monregalesi, vicino a Vicoforte Mondovì e al suo monumentale santuario con la cupola ellittica più grande d'Europa.

La panetteria-rivendita di generi alimentari 'Manuello' con le se insegne consumate dal tempo, è un servizio essenziale per gli abitanti e per i turisti in transito, in un pezzo del Piemonte al confine con la Liguria. Bruno Manuello era conosciuto e apprezzato anche per il suo impegno di volontario alla Croce Rossa, nella sezione di Mondovì. «Una tragedia terribile per tutto il paese - commenta il sindaco Taravello - Manuello è la panetteria storica del paese, portata avanti da due generazioni. Siamo profondamente addolorati per la morte dei due titolari. Ci stringiamo ai familiari in queste momento terribile. Il monossido di carbonio, purtroppo, è qualcosa che, in pochissimo tempo, non dà scampo». Saranno le indagini dei carabinieri e dei Vigili del fuoco ad accertare le cause dell'incidente.

 

Ostia, incidente mortale sulla Colombo: auto non rispetta il rosso e si schianta contro un pino, traffico in tilt

 

Ultimo aggiornamento: 12 Luglio, 09:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento