Buca le gomme al presunto amante della moglie e viene ucciso: l'arrestato nega la relazione

Giovedì 6 Agosto 2020
Buca le gomme al presunto amante della moglie e viene ucciso: l'arrestato nega la relazione

La scintilla l'ha innescata la gelosia. Poi gli eventi sono precipitati e Lorenzo Borsani, meccanico di 36 anni di Mozzate, nel Comasco, ci ha rimesso la vita. C'è una storia vecchia come il mondo dietro all'omicidio avvenuto ieri alle 18.30 per strada in via Turati, zona residenziale di Mozzate, Comune della Bassa comasca al confine con la provincia di Varese. Borsani si stava separando dalla moglie, dicono in maniera piuttosto turbolenta, c'erano di mezzo anche i figli, ed era convinto che lei avesse un altro. 

LEGGI ANCHE --> Accoltellato alla festa di compleanno, denunciato un dentista 

Così, quando ieri pomeriggio è passato davanti a casa e ha visto parcheggiata davanti una Mercedes classe A, ha pensato fosse quella dell'amante e non ci ha visto più. L'auto era di Flavio Briancesco, 49 anni, un tuttofare al momento disoccupato che nella casa della donna stava facendo delle riparazioni. Il succedersi dei fatti, da questo momento si fa velocissimo: Borsani buca le gomme dell'auto, la moglie da casa lo vede, Briancesco esce infuriato. Tra i due, in mezzo alla strada, partono insulti. I due non si calmano, anzi. Poi spunta un coltello. Inizialmente sembrava che il serramanico con lama da 23 centimetri fosse quello con cui Borsani ha forato le gomme della Mercedes, ma non è così.

Roma: test sierologici in autostrada su pullman e minivan provenienti dall'Est Europa

Il coltello era di Briancesco, l'aveva già con sé e l'ha estratto durante la lite e con quello ha ferito mortalmente il rivale al torace. Uno solo è stato il colpo fatale, ma altre sarebbero state le coltellate inferte. Mentre Borsani era a terra, ormai privo di conoscenza, e la moglie e i passanti chiamavano i soccorsi, l'omicida si è allontanato a piedi. Nel frattempo il ferito è stato trasportato in elicottero all'ospedale di Varese: era partito in codice rosso, con poche speranze, ed è morto subito dopo il ricovero.

Albano, serata musicale alla Rsa Covid con gli stornelli romaneschi, i pazienti rivedono i loro familiari

L'omicida è stato arrestato alcuni minuti più tardi a casa della compagna, a Locate Varesino, un paese limitrofo, a un paio di chilometri dal luogo del delitto. Durante il tragitto a piedi ha buttato il coltello nel giardino di una casa disabitata. Alla fine ha confessato tutto: nell'appartamento c'erano ancora i vestiti sporchi di sangue, ha ammesso che il coltello era suo, e ha indicato ai militari il luogo in cui l'aveva gettato, e dove infatti è stato ritrovato. Ai carabinieri ha negato però di avere una relazione con la moglie della vittima, per quanto ormai questo possa contare. 

Etna, lo spettacolo del vulcano: il cratere di Sud-Est illumina la notte

Ultimo aggiornamento: 7 Agosto, 18:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA