Claudio Fiori, la sua azienda in crisi a Rimini: a 60 anni si toglie la vita bevendo acido muriatico

Nessun biglietto, l'imprenditore ha provato a chiamare il 118: poi la morte

Giovedì 12 Maggio 2022
Claudio Fiori, la sua azienda in crisi a Rimini: l'uomo si toglie la vita bevendo acido muriatico
1

L'attività che non andava più, la paura, la morte. Messo in ginocchio e costretto a chiudere l’azienda si toglie la vita bevendo acido muriatico. Autore del drammatico gesto l’imprenditore Claudio Fiori, 60 anni, titolare della Sce elettronica, società specializzata nella realizzazione di quadri elettrici e impiantistica per locali pubblici, discoteche in primis con sede a San Clemente (Rimini). La notizia è riportata dai giornali locali.

La Finanza: con il virus più fallimenti falsi danni per decine di milioni: ecco chi ci perde

Moglie imprenditore fallito vince 60mila euro ad "Affari tuoi", gli operai: ora paghi

L'imprenditore non ha lasciato nulla di scritto in azienda o a casa per spiegare cosa avesse in mente. Ma soprattutto, quando l’acido muriatico bevuto dalla bottiglia trovata in azienda ha iniziato a bruciargli, corrodergli letteralmente l’esofago, in un momento di ritrovata lucidità ha preso il telefono e chiesto subito aiuto al 118. L’ambulanza e l’automedicalizzata di Romagna soccorso sono arrivate in poco tempo, raggiunti poco dopo dai carabinieri della stazione di Morciano. Fiori è stato immediatamente trasferito all’ospedale Infermi dov’è stato ricoverato in Rianimazione e dove purtroppo il suo cuore ha cessato di battere poco prima dell’alba di ieri.

Ultimo aggiornamento: 13 Maggio, 14:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci