Cambia la chiave durante il funerale e occupa la casa della zia morta: lite furibonda con i parenti

Lunedì 19 Settembre 2022 di Manlio Biancone
Cambia la chiave durante il funerale e occupa la casa della zia morta: lite furibonda con i parenti
2

Come in una nelle migliori commedie, a Celano, in provincia dell'Aquila, la verità assomiglia a uno dei più riusciti copioni teatrali. La storia vera ha visto protagonisti diversi eredi a contendersi una casa e anche le forze dell’ordine che sono intervenute per riportare la calma, ma non la disponibilità dell’abitazione contesa.

Vanessa Porrea, tronista di Uomini e Donne perseguitata per tre anni da uno stalker


La zia muore di vecchiaia a 87 anni e lascia “libera” la sua bella e accogliente casa. Poi succede l’imponderabile: durante i funerali il nipote nei approfitta per cambiare la serratura della casa e prenderne possesso. Vale a dire si installa in casa quando le esequie della zia erano in corso. L’episodio è avvenuto nei giorni scorsi nella cittadina castellana ma se ne è avuta notizia solo ieri, quando è diventata di dominio pubblico. Il fatto ha creato scalpore tra la popolazione anche perché le persone coinvolte sono molto conosciute. Dal racconto di un parente sembra che un nipote, che da tempo si era avvicinato alla zia ormai anziana, ha atteso la sua morte e quindi il suo funerale per entrare in possesso dell’abitazione dove la donna abitava da sola, senza però informare gli altri eredi. E così proprio durante il rito funebre ha pensato bene di cambiare la serratura dell’abitazione e cominciare a vivere in quella bella casa che aveva frequentato spesso quando la zia era viva e forse aveva anche accarezzato l’idea di poterci vivere.

Parroco scopre i ladri e li mette in fuga dalla canonica


E così quando gli altri eredi, dopo il rito funebre, sono tornati nell’abitazione della defunta non sono riusciti a entrare: è scoppiata una lite furibonda alla presenza anche di altri amici e parenti che avevano partecipato al funerale. Il nipote ha subito rivendicato che la casa era sua perché la zia così gli aveva promesso mentre era in vita. «È stata a lei a dirmi che potevo vivere qui, era una sua volontà, mi voleva bene». Comunque i toni si sono particolarmente elevati tanto che è stato richiesto l’intervento delle forze dell’ordine per riportare la calma tra gli eredi. Il nipote, però, non sembra affatto intenzionato a dare le chiavi anche agli altri eredi e anzi è convinto di stare nel giusto, di ottemperare a un desidero della zia defunta. Quasi sicuramente si finirà davanti a un’aula del Tribunale per rivendicare la proprietà della casa, che dovrà andare in successione ed essere divisa in parti uguali tra gli eredi.
 

Ultimo aggiornamento: 11:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci